tribunale

L’avvocato Romano ricorda Franco Cucinotta

Pubblicato il alle

2' min di lettura

tribunaleRiceviamo e  pubblichiamo:

«Leggere stamani i quotidiani on line è stato un tonfo al cuore. Ciccio non c’è più. Sapevo della malattia e delle difficoltà e dei sacrifici fatti per stare attaccato alla vita, ma vedere l’articolo di botto aprendo i giornali mi ha lasciato senza fiato. Col passare dei minuti, poi, vengono alla mente tutti i ricordi della vita convissuta. Sì, perché il “mestiere” di penalista è accompagnato come fosse un angelo custode dal cronista di nera e giudiziaria. Ma per Ciccio è riduttivo parlare genericamente di “cronista”. Era, oltre che la riconosciuta “enciclopedia”, l’esempio di come si dovesse correttamente fare il giornalista. Mai una sbavatura, sempre equidistante tra accusa e difesa e sempre a riportare fedelmente ciò che traeva nelle aule di Tribunale. Persona squisita, educata, mai sopra le righe.Lo ringrazio pubblicamente per gli articoli scritti sui processi da me fatti a Messina. Un legame “inscindibile” quello tra penalista e giornalista di nera e giudiziaria. L’uno ha bisogno dell’altro. Ricordo come ogni domenica mattina, intorno alle 7.30 ci si incontrava davanti l’edicola di Viale Italia a comprare i giornali. Io arrivavo già “vestito da calcio” per la partitella da fare a Cristo Re e lui aveva sotto il braccio un pacco di giornali. Si stava lì qualche minuto a commentare i fatti ultimi della città e ci si salutava con un “a domani” poiché ci saremmo visti “sul nostro posto di lavoro”.

Ciao Ciccio con indimenticabile affetto

Avv. Giuseppe Pio Romano»

(77)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.