Incorreggibile De Luca: sfonda il “cordone” di vigili che volevano impedirgli la consegna del “Fausu” al commissario Croce. Disordini al Comune

Pubblicato il alle

1' min di lettura

3Si stava per arrivare alle mani tra i vigili urbani addetti al controllo di Palazzo Zanca e i seguaci di Rivoluzione Siciliana. In tarda mattinata Cateno De Luca e i suoi volevano entrare al municipio per consegnare al commissario del Comune Luigi Croce “U Fausu”, la moneta inventata dal sindaco di Santa Teresa Riva che rappresenta – secondo il gruppo politico – il simbolo delle difficoltà in cui si trovano tutti gli enti locali. Gli agenti di Polizia Municipale, come fanno con tutti coloro che vogliono protestare all’interno della sede municipale, hanno impedito ai partecipanti l’ingresso al Comune. A questo punto sono cominciati i “contatti” tra la carovana ed un cordone di vigili urbani e addetti del Comune che cercavano di impedirne l’ingresso. Dopo avere chiesto inutilmente di poter entrare da solo, come libero cittadino, De Luca è passato alle vie di fatto sfondando il cordone di sicurezza, arrampicandosi sulle barriere divisorie poste nell’ingresso del Palazzo, da dove si è catapultato ai piani superiori per consegnare a Croce “U Fausu”.

@Acaffo

(59)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.