Il maltempo flagella Messina e la sua provincia: allagamenti, torrenti in piena o esondati. Paura a Giardini Naxos. AGGIORNAMENTI

Pubblicato il alle

3' min di lettura

 Da nord a sud passando per la città, il maltempo da oltre 12 ore sta flagellando Messina. Non c’è tregua agli intensi acquazzoni che si sono abbattuti sul messinese dalle prime ore della giornata, e non accennano a diminuire. I centralini dei Vigili del fuoco e della Polizia municipale sono intasatissimi, tempestati dalle telefonate di cittadini in difficoltà. I danni maggiori si stanno verificando in provincia, sia tirrenica che ionica. Il Taorminese è allagato, impossibile in alcune zone uscire da casa, l’acqua arriva sino alle ginocchia.  Giardini Naxos è in piena emergenza, alcune auto sono state trascinate dalla forza dell’acqua piovana che scorreva sul Corso Umberto. Un automobilista era rimasto intrappolato dentro la propria vettura, è stato soccorso da volontari. Il torrente Antillo è esondato.
A Rodia, in contrada Grancabella, una frana ha interrotto la circolazione ai veicoli e isolato diverse abitazioni mentre a Barcellona con una ordinanza, il sindaco ha disposto la chiusura al transito del ponte sul torrente Mela, si teme l’esondazione. L’intero territorio del Mela è allagato.

E di esondazione si parla anche a Messina città: al rione Bordonaro, l’omonimo torrente si sta ingrossando pericolosamente, e i Vigili Urbani sono in allerta. Al momento nessuna abitazione è stata sgomberata.

In varie parti della città è mancata l’energia elettrica. A Ganzirri le strade sono totalmente allagate e impraticabili. In centro, Viale Libertà, Via La Farina, il solito problema dei tombini otturati non consente all’acqua piovana di defluire e allaga le vie. Messina tutta è impraticabile.

Situazione critica anche a S.Margherita dove nel pomeriggio è esondato il torrente.

Dal Comune, una nuova allerta meteo, arancione, valido sino alla mezzanotte di oggi, avvisa i cittadini di non prendere l’auto se non per casi strettamente necessari, non sostare nei sottopassi, negli scantinati.

AGGIORNAMENTI Il costone roccioso che il 5 ottobre dello scorso anno è parzialmente franato sulla A18, in direzione Catania, continua a franare. La pioggia battente di questa giornata ha causato ulteriore cedimento del terreno e i detriti hanno invaso persino la carreggiata a doppio senso di circolazione lato mare, causando difficoltà ai veicoli in transito. Sul posto, a dirigere la circolazione, pattuglie della polizia Stradale e Vigili del Fuoco. A Forza d’Agrò, una frana ha tagliato il paese in due, centinaia di persone sono bloccate. Una comitiva di messinesi, che si era recata a pranzare in un ristorante del posto, da diverse ore è impossibilitata ad uscire dal locale. Interrotta la linea ferroviaria Messina-Catania per allagamento dei binari.

 

(Giardini Naxos, foto tratta da Facebook)

(1705)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.