Gli operai della Triscele interrompono il sit-in ma slitta al 15 novembre l’incontro tra i Faranda e i sindacati

Pubblicato il alle

1' min di lettura


triscele 2I 41 operai della ditta Triscele interrompono il sit-in di protesta all’ingresso dello stabilimento di via Bonino. Ma oggi, all’incontro al tavolo del prefetto Alecci, le parti, la famiglia Faranda rappresentata da Alessandro, e i sindacati si sono riaggiornati al 15 novembre alle 11, sempre in prefettura, per capire il da farsi. Nelle ore di riunione a Palazzo del Governo i sindacati hanno ribadito ai Faranda la necessità di ufficializzare il piano di delocalizzazione della ditta, che andrà via da Gazzi, per un altro sito ancora sconosciuto e il piano industriale delle future produzioni. Gli operai, il 31 dicembre, non avranno più cassa integrazione. Forte – secondo quanto riferito – lo “scontro” dialettico tra le parti prima del rinvio al 15 novembre. Per Giovanni Mastroeni della Cgil un incontro ancora interlocutorio.

@Acaffo 

 

 

 

(39)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.