Il TdL vuole in carcere Genovese. La difesa va in Cassazione

genovese tristeIl Tribunale del Riesame di Messina, accogliendo il ricorso della Procura, ha disposto la custodia cautelare in carcere per il deputato Pd Francantonio Genovese. I giudici hanno annullato l’ordinanza del Gip che scarcerava il parlamentare indagato per associazione per delinquere truffa e frode fiscale nell’ambito della inchiesta sulla Formazione in Sicilia, avviata dalla procura di Messina. L’ordinanza non è esecutiva fino al momento in cui lo diventerà per termini o sentenza della Cassazione. Francantonio Genovese si trovava agli arresti domiciliari dal 21 maggio 2014. Si era costituito nel carcere di Messina sei giorni prima, subito dopo che la Camera dei deputati aveva votato l’autorizzazione al suo arresto. Dopo l’interrogatorio di garanzia il Gip di Messina aveva ritenuto che pur permanendo il concreto pericolo di reiterazione di analoghe condotte criminose, allo stesso tempo erano “attenuate le esigenze cautelari, tenuto conto anche dell’atteggiamento dell’indagato il quale, “pur avendo avuto la concreta possibilità di sottrarsi all’esecuzione della misura, durante l’esame dinanzi alla Camera dei deputati, si era spontaneamente costituito”. Una decisione che adesso il Tribunale del Riesame, accogliendo il ricorso presentato dalla Procura di Messina, ha ribaltato, disponendo la misura della custodia cautelare in carcere in sostituzione degli arresti domiciliari. I giudici “sospendono l’esecuzione” del provvedimento “sino al momento in cui diventerà definitivo”. In tanto il 7 agosto scorso la Camera dei deputati aveva detto si’ alla concessione delle trascrizioni delle intercettazioni telefoniche a carico di Francantonio Genovese. L’Assemblea ha autorizzato soltanto le comunicazioni precedenti alla iscrizione nel registro degli indagati del parlamentare, avvenuta il 12 dicembre del 2011.

 

La difesa di Genovese annuncia ricorso in Cassazione. Spiega Nino Favazzo, legale del parlamentare: “Le motivazioni del provvedimento del Tribunale del Riesame appaiono deboli e poco convincenti. Accoglie l’appello del pm ritenendo sussistente l’unica esigenza cautelare del pericolo di reiterazione, escludendo ogni possibilita’ di inquinamento probatorio ipotizzata dalla pubblica accusa. Per il Riesame – conclude il legale – Genovese deve tornare in carcere perche’ dalla propria abitazione sarebbe in grado di gestire oggi in Sicilia attivita’ di formazione professionale”.

 

(64)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *