Franco Rinaldi: “Il nuovo reato a mio carico sfiora l’accanimento”

rinaldiOggi, nel corso nell’udienza relativa al processo “Corsi d’orso” la procura di Messina ha aggiunto un nuovo reato a carico dell’imputato Franco Rinaldi.

Il deputato regionale,  cognato di Francantonio Genovese, al quale sino ad oggi veniva contestato reato minore e per cui era crollata l’accusa iniziale di peculato, è imputato ora per associazione a delinquere.

Da qui la replica dell’onorevole che scrive:

 

“La nuova imputazione che la pubblica accusa ha chiesto di contestarmi nel corso dell’udienza di oggi, mi lascia esterrefatto, e quello che più mi meraviglia è la tempistica con cui ciò è avvenuto.  Se non vi è un accanimento, poco ci manca. Ciò che è successo appare una evidente forzatura, non essendo emerso nulla di nuovo rispetto a quanto formava oggetto degli elementi valutati nel corso delle indagini, non essendo stato richiesto il mio rinvio a giudizio, ci si deve domandare come mai solo ora, senza nuovi elementi, si sia voluto colpire la mia persona con un sospetto cosi infamante. Per quanto mi riguarda continuo a professare la mia innocenza essendo fermamente convinto che verrà il giorno in cui il famoso giudice di Berlino la riconoscerà”.

 

(486)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *