Confermato per il prossimo 6 novembre lo sciopero a Caronte e Tourist dalle ore 04,00 alle ore 24,00

Pubblicato il alle

2' min di lettura

caronteFILT – CGIL FIT – CISL UILT – UIL  UGL – MARE USCLAC – UNCDIM hanno chiarito i rilievi mossi dalla Commissione di Garanzia e riconfermato, pertanto, per la giornata del 6 novembre la protesta dei marittimi della società di navigazione. Per FILT – CGIL FIT – CISL UILT – UIL  UGL – MARE USCLAC – UNCDIM ,che avevano scioperato lo scorso 9 ottobre raccogliendo altissime adesioni, la seconda giornata di protesta si è resa necessaria a fronte dell’ostinazione di Caronte e Tourist a non revocare la procedura dei 69 licenziamenti attivata lo scorso 12 ottobre. FILT – CGIL FIT – CISL UILT – UIL UGL – MARE USCLAC – UNCDIM considerano la richiesta aziendale una vera e propria provocazione, perché tenta di utilizzare strumentalmente il periodo di crisi per sbarazzarsi degli strumenti contrattuali e di quasi un quarto della forza lavoro, e ritengono la pretesa di Caronte e Tourist ingiustificabile nei presupposti, sproporzionata nella misura,  contraddittoria e pericolosa perché smantella in un colpo solo il meccanismo di tutele e di automatica risposta alle flessioni del mercato. Per FILT – CGIL FIT – CISL UILT – UIL UGL – MARE USCLAC – UNCDIM attivare la procedura prevista dalla legge 223/91 significa imprimere una accelerazione al confronto e quindi costringere i sindacati a trattare “con la pistola puntata alla tempia” dato che con o senza accordo sindacale l’azienda sarà libera di licenziare dopo 45 giorni, ma obbliga al contempo Caronte e Tourist a dimostrare veramente l’esistenza dei motivi di crisi. Il 23% di calo dei traffici negli ultimi 5 anni ricordano FILT- CGIL FIT- CISL UILT- UIL UGL – MARE USCLAC -UNCDIM è stato abbondantemente ripagato da oltre un centinaio di lavoratori che non figurano più in organico e da equipaggi sempre più ridotti. FILT – CGIL FIT – CISL UILT -UIL  UGL – MARE USCLAC – UNCDIM sottolineano che l’intero sistema di Caronte e Tourist si regge sul mantenimento di un alto livello qualitativo e quantitativo dell’offerta che non consente l’espulsione  di 69 unità  quindi l’azienda revochi la procedura dei licenziamenti ed individui con le parti altre soluzioni.

(53)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.