Canile abusivo: chiesto il rinvio a giudizio per l’ex sindaco di Patti ed altre tre persone

Pubblicato il alle

1' min di lettura

canileIl sostituto procuratore di patti, Rosanna Casabona, ha chiesto il rinvio a giudizio dell’ex sindaco di Patti, Giuseppe Venuto, dell’ex assessore alla Sanità dello stesso Comune, Francesco Gullo,del Dirigente Veterinario della Sanità Animale del Distretto di Patti,Vincenzo Pantano, accusati di omissione di atti d’ufficio in concorso.Stessa richiesta è stata avanzata nei confronti di Anna Chiodaroli, proprietaria di un terreno su cui sorge un canile abusivo. La donna è ritenuta responsabile dei reati di inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, disturbo delle occupazioni o del riposo pubblico e abbandono di animali. Venuti e Gullo, peer l’accusa, avrebbero omesso di attivare quanto necessario per regolarizzare la struttura, sia dal punto di vista amministrativo che igienico sanitario. Pantano è ritenuto responsabile di omissione di atti d’ufficio, per la manacata identificazione degli animali presenti nel canile mediante l’apposizione di microchip e iscrizione all’anagrafe canina, nonché di effettuare la sterilizzazione ai fini della prevenzione del randagismo come disposto in una ordinanza del Sindaco.
Nessuna responsabilità penale è stata ravvisata nei confronti di altri due dirigenti del Servizio Sanitario precedentemente indagati per i quali è stata stralciata la loro posizione.

(86)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.