Ciclomotori “camuffati” da bici elettriche: 20 sequestri della Polizia Stradale e 3 denunce

motobici2motobici1motobici3Li spacciavano per semplici biciclette a pedalata assistita mentre invece erano dei veri e propri ciclomotori da azionare non con la pedalata ma con un “potenziometro” manuale posizionato sul manubrio. Sono 20 gli scooter elettrici, non conformi alla normativa vigente, sequestrati e tre le persone denunciate all’Autorità Giudiziaria per frode in commercio, grazie alle indagini della locale Sezione di Polizia Stradale con l’ausilio della Sottosezione A/20 e del Distaccamento di Barcellona.

I negozianti facevano anche di più, esponendo dei cartelli che rassicuravano gli acquirenti sulla possibilità di guidare senza alcun titolo le bici elettriche, anche senza immatricolazione e copertura assicurativa

I mezzi sequestrati, che in alcuni casi hanno una potenza anche superiore a 0,25 kw, necessitavano invece di immatricolazione e copertura assicurativa. Inoltre il conducente avrebbe dovuto essere provvisto di patente A1 o di certificato d’idoneità alla guida e indossare il casco protettivo.

Le indagini, scaturite a seguito della constatazione del numero crescente di mezzi di questo tipo sulle strade di Messina e provincia, hanno dimostrato che, al momento della vendita, venivano spacciati per semplici  velocipedi a trazione elettrica.

I veicoli facevano bella mostra nei saloni espositivi dei negozi già con il potenziometro manuale montato e funzionante. Dei 20 ciclomotori, 6 sono stati sequestrati all’interno di noti esercizi commerciali di Messina e Barcellona e denunciati i rispettivi titolari.

Ulteriori accertamenti effettuati alla Motorizzazione Civile hanno rivelato che alcuni dei mezzi sequestrati non erano immatricolabili neppure come ciclomotori per la mancanza dei requisiti tecnici.

(104)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *