Arrestati tre dei cinque rapinatori che dopo il sequestro di una coppia di gioiellieri di Letojanni saccheggiarono casa e negozio

Pubblicato il alle

2' min di lettura

tn LO TURCO Andreatn LO TURCO Lucatn FERRARA SalvatoreI Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno sottoposto a fermo tre uomini, sospettati di essere gli autori della rapina con sequestro di persona effettuata il 30 dicembre scorso a Letojanni. Si tratta dei fratelli Luca Lo Turco, 19 anni,già noto alle Forze dell’Ordine, e Andrea Lo Turco, 23 anni, incensurato, e di Salvatore Ferrara, 37 anni, già con precedenti penali, nato a Milazzo ma residente a Letojanni, come i primi due. Su di loro gravano forti indizi: sarebbero tra gli autori del “colpo” messo a segno a dicembre ai danni di una gioielleria di Letojanni.
Erano le 20:30 del 30 dicembre scorso, quando cinque malviventi, travisati da passamontagna, due armati di pistola, si sono appostati nei pressi di un’abitazione, alla periferia di Letojanni. Al rientro dei proprietari, il 69enne gestore di una gioielleria e la moglie di 57 anni, li hanno aggrediti, condotti in casa e sequestrati. I 5 malviventi, a quel punto, si sono distribuiti gli incarichi.Dopo essersi fatti consegnare le chiavi della gioielleria e la combinazione della cassaforte, in tre sono rimasti con la coppia ed hanno occupato il tempo a fare razzìa degli oggetti preziosi custoditi in casa; i restanti due hanno saccheggiato il negozio. Valore complessivo del bottino: 50mila euro. Prima di fuggire, hanno lasciato le due vittime nel bagno dell’abitazione, legate con nastro adesivo. I due coniugi, dopo essersi liberati, hanno segnalato l’accaduto al 112. Le indagini, subito avviate, hanno avuto come prima tappa la visione dei filmati delle telecamere poste a sorveglianza della gioielleria. Da quelle immagini sarebbe stato possibile procedere alla identificazione dei due fratelli Lo Turco. Una perquisizione della casa di campagna dei due, a Gallodoro, ha confermato il riconoscimento: sono stati trovati i gioielli rapinati. Ulteriore passaggio investigativo, poi, il controllo dell’abitazione di un personaggio noto ai carabinieri, Salvatore Ferrara, spesso avvistato in compagnia dei Lo Turco. In casa nascondeva pistola, passamontagna e giubbotto nero, presumibilmente quelli utilizzati per la rapina. Dapprima sottoposti a fermo, per i tre, il gip di Messina ha successivamente emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere. Ricerche in corso per identificare i due complici.

(49)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.