Alluvione a Catania. Via Etnea è un torrente in piena. Due dispersi

cataniaUn violento nubifragio si è abbattuto su Catania nel primo pomeriggio. La centralissima via Etnea si è trasformata in un torrente: cassonetti e oggetti trascinati letteralmente dall’acqua. i davanti ai loro esercizi commerciali. I sommozzatori cercano due possibili dispersi.

I dati della protezione civile parlano di oltre 100 millimetri di pioggia nell’arco di un’ora. Al Villaggio Santa Maria Goretti le pompe sono state azionate per motivi di sicurezza in quanto l’acqua aveva superato il livello di guardia. Gli interventi più urgenti si sono registrati a Piazza Duomo e nella zona dell’aeroporto. I primi ad attivarsi sono stati i vigili del fuoco, che al momento stanno lavorando in piena sinergia con le squadre della protezione civile comunale. I vigili del fuoco stanno intervenendo per soccorrere automobilisti rimasti bloccati nelle loro auto nel quartiere di San Giovanni Galermo e nei paesi di Mascalucia e Gravina di Catania. Il fiume d’acqua che si è riversato nella centrale via Etnea a Catania è dovuto non soltanto al nubifragio sulla città, ma anche al deflusso dell’acqua caduta nei paesi alle pendici dell’Etna. Il Comune ha attivato il sistema di Protezione civile, ma sottolinea di “non avere ricevuto alcuna segnalazione di allerta meteo” sull’evento.

Sommozzatori dei Vigili del fuoco sono intervenuti in un ristorante di Via Pardo per liberare dei turisti rimasti intrappolati a causa di un allagamento. Il gruppo si trovava lì per pranzare. Il ristorante si trova nella zona vicino agli archi della Marina e nei pressi del mercato della Pescheria. Del locale riferiscono i Vigili del Fuoco risultano allagati lo scantinato e la sala ristorazione. Il livello dell’acqua era così alto che I turisti sono stati obbligati a salire addirittura sui tavoli del ristorante in attesa dei soccorsi.

Centinaia le richieste di interventi al 115. I vigili del fuoco sono intervenuti soprattutto in Via Etnea a Catania. Interventi anche nella provincia: in particolare a Gravina e Belsito, frazione di Misterbianco.

I Vigili del Fuoco stanno operando all’interno del canale del fiume Amenano dove stanno tentando di eliminare l’ostruzione creata dai detriti e dagli oggetti che sono finiti nei sottopassaggi. Fondamentale liberare il bivio per evitare ulteriori allagamenti nella zona al prossimo nubifradio. La zona di intervento è quella di Villa Pacini.

Due anziani hanno chiamato i Vigili del Fuoco perchè erano in trappola a causa del torrente in Via Etnea. Subito sono partite le squadre che hanno svolto le ricerche e sono arrivati fino a Villa Pacini dove il livello dell’acqua ha superato i 2 metri di altezza. I sommozzatori dei Vigili del Fuoco hanno trovato uno stivale e un borsello incastrati nella ringhiera che costeggia il fiume Amenano. Le ricerche sono in corso con l’ausilio di alcune funi i sommozzatori stanno esplorando i sottopassaggi che risultano ostruiti dai detriti.dove si sono imbattuti nello stivale e nei documenti incastrati nella ringhiera del fiume Amenano.
Le ricerche sono in corso con l’ausilio di alcune funi i sommozzatori stanno esplorando i sottopassaggi che risultano ostruiti dai detriti.

da Live Sicilia (Foto di Massimo Leone)

 

(92)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *