Cacciola

Coinvolto anche l”assessore Cacciola nell’inchiesta palermitana sul fotovoltaico

Pubblicato il alle

2' min di lettura

CacciolaC’è anche un assessore della giunta Accorinti coinvolto nell’inchiesta palermitana sul fotovoltaico. Gaetano Cacciola, secondo il quotidiano on line, regionale, Live Sicilia, è indagato per falso ideologico dalla procura di Palermo.

Secondo quanto scrive Riccardo Lo Verso, un progetto sul fotovoltaico realizzato nel 2009 a Monreale, inizialmente non aveva la copertura finanziaria necessaria per essere avviato, poi, grazie alle “intercessioni” di alcuni dell’assessorato regionale all’Industria, sarebbe stato catalogato come sperimentale per ottenere i soldi della Regione.

A questa catalogazione, da Messina, avrebbe contribuito -secondo quanto si legge su Live Sicilia- Gaetano Cacciola, ingegnere, direttore dell’Istituto di Tecnologie avanzate per l’energia del Consiglio nazionale delle ricerche (Itae Cnr) di Messina. Da assessore, Cacciola ha avuto affidata la delega “energia, mobilità, viabilità e trasporti, comunicazione e innovazione, rapporti con l’Europa e il Mediterraneo”.

Tra altri, sono indagati, l’ex assessore all’Industria, Pippo Gianni, accusato di corruzione perché avrebbe ricevuto in regalo un televisore e un telefonino; Martino Russo e Francesca Marcenò, dirigenti dell’assessorato, il primo accusato di corruzione ( televisore anche per lui); per Marcenò l’ipotesi di accusa è abuso d’ufficio.

Per Cacciola, va detto, l’ipotesi di accusa è di falso ideologico, non c’è quella che ipotizza il reato ben più grave dell’associazione a delinquere e della corruzione, che pende sul capo di alcuni degli altri 10 indagati nell’ambito dell’inchiesta che ha acceso i riflettori sulla realizzazione dell’impianto fotovoltaico della Heliospower srl a Monreale, fra il 2009 e il 2010. Una “fattoria solare” autorizzata dalla Regione grazie alla classificazione “sperimentale”, costruita e poi venduta ad un gruppo spagnolo per milioni di euro. L’assessore messinese potrebbe presto chiarire la sua posizione con la magistratura palermitana e uscire dall’inchiesta.

(82)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.