Nanotecnologie mediche: l’UniMe capofila di un prestigioso progetto per “Marie Skłodowska-Curie”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Si chiama “STRIKE” ed è il progetto, promosso e coordinato dall’Università di Messina, che si concentra sulle nanotecnologie mediche, in modo particolare a quelle applicate all’oncologia. “STRIKE” è stato ammesso a finanziamento (2,106, 835.19 €) nell’ambito del prestigioso Marie Skłodowska-Curie Actions (MSCA Doctoral Networks).

«In accordo con gli obiettivi del MSCA Doctoral Networks – si legge nella nota dell’Unime – il progetto di nanotecnologie mediche mira alla formazione di dottorandi creativi, imprenditoriali, innovativi e resilienti, in grado di affrontare le sfide attuali e future e di convertire conoscenze e idee in prodotti e servizi a vantaggio economico e sociale». Ma non solo, perché grazie alla mobilità internazionale e il carattere interdisciplinare del progetto, i dottorandi potranno acquisire competenze sia nel settore accademico che in quello privato.

A coordinare la ricerca scientifica sarà la professoressa Anna Piperno del Dipartimento di Scienze Chimiche, biologiche, farmaceutiche e ambientali dell’Università di Messina; insieme a lei anche le colleghe Maria Teresa Sciortino e Angela Scala; Silvana Briuglia del Dipartimento di Scienze Politiche e Roberto Oliva dottorando in ChiBioFarAm. Coinvolti anche Atenei ed Enti provenienti da altri 7 Paesi Europei: Francia, Spagna, Irlanda, Austria, Repubblica Ceca, Germania e Ungheria.

Le nanotecnologie mediche

Il team di “STRIKE” sarà impegnato nello sviluppo di queste nanotecnologie mediche per il trattamento dell’osteosarcoma (diagnosi e terapia) e di strumenti innovativi nella diagnosi precoce del tumore al seno in pazienti con mutazioni BRACA, utilizzando i recenti progressi della nanotecnologia e della biopsia liquida.

Le nanotecnologie che possono essere utilizzate in diversi settori, non hanno trovato ancora un vero riscontro nella pratica clinica, ma sono ampiamente utilizzate nel campo della ricerca; «un’applicazione particolarmente rilevante in ambito oncologico – scrive la giornalista Paola Cozzi su Tech4Future – è la diagnostica. In passato, sono stati sviluppati mezzi di contrasto costituiti da nanoparticelle che, grazie alle loro proprietà e a particolari tecnologie, individuano il tumore con una precisione elevatissima.

A tale riguardo, sono significativi i lavori dei ricercatori della Stanford University e del Memorial Sloan Kettering Cancer Center negli Stati Uniti, i quali, alcuni anni fa, hanno sviluppato nanoparticelle capaci di delineare i margini dei tumori cerebrali prima e durante l’intervento». L’indagine scientifica dell’Università di Messina sarà, quindi, un ulteriore tassello da aggiungere.

«Con la partecipazione ai progetti MSCA, –  ha detto il Rettore Salvatore Cuzzocrea –  che intendono assicurare uno sviluppo ottimale e un impiego dinamico del capitale intellettuale rappresentato da giovani ricercatori e ricercatrici promettenti, il nostro Ateneo contribuirà alla formazione di nuove abilità, conoscenze e innovazione».

Il prossimo 6 aprile, alle 10 in Aula Magna, per rimanere in tema, l’Università di Messina e l’Associazione ALuMnime, in occasione della Giornata Mondiale della Salute, organizzeranno un convegno su “Our planet, our health”, tema scelto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

(166)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.