multe auto all'annunziata

«Multe fatte da chi dovrebbe essere multato»: Libero Gioveni contro i controllori ATM

Pubblicato il alle

2' min di lettura

I controllori di ATM staccano multe salate alle auto parcheggiate sullo spartitraffico dell’Annunziata… ma per farlo lasciano loro stessi la propria vettura in divieto. A denunciarlo è il consigliere comunale Libero Gioveni (Fratelli d’Italia): «Ciò che è accaduto è davvero paradossale e di cattivo gusto».

La celebre frase “chi controlla i controllori?” appare quantomai calzante per spiegare il succo della segnalazione raccolta dal consigliere comunale Libero Gioveni e riportata oggi in una nota: «Possibile che ATM debba multare auto parcheggiate su uno spartitraffico lasciandoci però sopra le proprie di auto?».

Una mancanza di coerenza, per l’esponente messinese di Fratelli d’Italia, che spiega la situazione e invita, di contro, i dipendenti dell’Azienda Trasporti di Messina a dare l’esempio: «In pratica – spiega Gioveni – ieri degli addetti ATM hanno verbalizzato tutte le auto in sosta nello spartitraffico, ma mentre esercitavano questa azione sanzionatoria (al netto dei dubbi che credo permangano sulle competenze), l’auto aziendale di servizio con la quale gli operatori sono giunti sul luogo è stata parcheggiata proprio sullo spartitraffico!».

Ma il consigliere comunale segnala anche una seconda problematica, di cui già si è parlato nei giorni scorsi in riferimento ad altre zone della città di Messina: la carenza di parcheggi. «È ovvio – sottolinea – che la sosta non autorizzata vada sanzionata (seppur nel caso di specie non vi erano auto in doppia fila), ma è altrettanto ovvio che chi, senza aver voluto comprendere anche la difficoltà dei cittadini in una zona certamente povera di parcheggi, avrebbe dovuto dare l’esempio!».

 

(1542)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Grazie alle “nefandezze” dell’ex “signor De Luca”. Una ex GIUNTA INUTILE e inefficiente!

error: Contenuto protetto.