Messina, Cateno De Luca 2° sindaco più popolare d’Italia: la classifica del Sole24ore

Primo piano del nuovo sindaco di Messina - Cateno De LucaHa scalato la classifica dei sindaci del Sole24Ore il primo cittadino di Messina Cateno De Luca, posizionatosi secondo, dopo Antonio Decaro (sindaco di Bari), nel Governance Poll 2020, l’indagine sulla popolarità degli amministratori locali di tutta Italia (o quasi).

La classifica misura il livello di gradimento dei sindaci di 105 città capoluogo di provincia e quello dei presidenti delle 18 Regioni a elezione diretta. In questo quadro, il Governatore Musumeci si attesta al 12esimo posto,  aumentando del 6% il consenso ottenuto in occasione delle elezioni regionali del 2017.

Per quel che riguarda i sindaci siciliani, ad avere la meglio in fatto di popolarità è il primo cittadino di Messina, Cateno De Luca, che conquista il podio passando dal 65,3% del ballottaggio alle elezioni del 2018 al 67,4% (+2,1%). Il sindaco di Catania, Salvo Pogliese perde il 13,4% rispetto alle amministrazione, passando dal 52,1% al 38,7% e collocandosi al penultimo posto. Maglia nera, invece, per Leoluca Orlando, che passa dal 46,3% al 38,1% e scende all’ultimo scalino della classifica.

La classifica dei sindaci siciliani (per popolarità) secondo il Sole24Ore

  • Il sindaco di Messina Cateno De Luca (2° nella classifica nazionale con il 67,4% di gradimento);
  • Il sindaco di Ragusa Giuseppe Cassì (47° con il 54,7%);
  • Il sindaco di Siracusa Francesco Italia (52° con il 53,4%);
  • Il sindaco di di Agrigento Calogero Firetto (79° con il 50%);
  • Il sindaco di Enna Maurizio Di Pietro (79° con il 50%).
  • Il sindaco di Caltanisetta Roberto Gambino (91° con il 48,9%);
  • Il sindaco di Catania Salvo Poglise (104° con il 38,7%);
  • Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando (105° con il 38,1%).

Cateno De Luca secondo sindaco d’Italia per popolarità: cosa vuol dire?

Tutto o niente, in realtà. Come osservato da Antonio Noto sul Sole24Ore, il gradimento riscontrato come “buon amministratore” non necessariamente si traduce in un futuro politico assicurato anche ad altri livelli (dal regionale al nazionale). La “stagione dei sindaci” appare ormai tramontata, sebbene con alcune eccezioni, e non sempre i primi cittadini riescono ad estendere la propria popolarità oltre i confini del comune di competenza.

È comunque un dato che va tenuto presente insieme a un altro fattore che sembrerebbe essere stato determinante per la crescita del consenso di molti dei nomi che hanno scalato le vette più alte di questa classifica: sono i sindaci che più si sono resi “protagonisti” dell’emergenza coronavirus ad aver avuto un incremento di popolarità. Basti pensare al Governatore del Veneto, Luca Zaia (primo tra i Presidenti di Regione) e al già citato Antonio Decaro, che durante il Covid è stato ripreso per le strade della città mentre “invitata” i suoi cittadini ad “andare a casa”.

(1271)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *