Messina batte Palermo e Catania nella differenziata, ma l’obiettivo è ancora lontano

cateno de luca conferenza stampa raccolta differenziata dei rifiuti a messinaLa città metropolitana di Messina batte Palermo e Catania e si colloca prima nella classifica regionale per la raccolta differenziata, ma si mantiene ancora ben lontana dall’obiettivo del 65% fissato per il 30 luglio.

Stando ai dati pubblicati sulla propria pagina Facebook ufficiale dal sindaco Cateno De Luca a seguito di una conferenza stampa tenutasi ieri a Palazzo Zanca, infatti, la provincia dello Stretto ha raggiunto il 23% di raccolta differenziata dei rifiuti, superando Catania, che si attesta al 7%, e Palermo, ferma al 13%.

Un risultato, questo, che secondo quanto riportato dal Direttore del Dipartimento Acqua e Rifiuti Salvatore Cocina – che ha commentato positivamente il lavoro svolto dall’Amministrazione in materia di rifiuti – colloca Messina al primo posto tra le Città Metropolitane della Sicilia per la percentuale di raccolta differenziata effettiva.

Ma, nonostante questo miglioramento – a fine 2018 Messina, stando ai dati della Regione, era al 17,3% – il rischio di bucare la “scadenza” imposta dal sindaco Cateno De Luca per il raggiungimento del 65% di differenziata entro il 30 luglio 2019 è sempre alle porte. E non sarebbe la prima volta. Lo scorso luglio, infatti, il Primo Cittadino aveva fissato come data per il raggiungimento del 30% l’1 ottobre 2018; tappa che, dati alla mano, non si è concretizzata.

E se non si dovesse raggiungere l’obiettivo del 65% entro fine luglio? «Tutti a casa», almeno stando a quanto dichiarato – sempre su Facebook – dallo stesso De Luca a poche settimane dall’inizio del suo mandato.

Al momento, tra le politiche in atto o programmate per raggiungere l’obiettivo e mettersi in regola con la normativa regionale (che, appunto, fissa il minimo di raccolta differenziata al 65%) figurano: l’estensione del servizio di raccolta porta a porta a tutto il territorio comunale e l’eliminazione dei cassonetti dalle strade, grazie a una serie di investimenti. Entrambe le cose dovrebbero avvenire entro il prossimo 1 giugno.

Altro punto toccato, infine, nel corso della conferenza di ieri – nello specifico dalla dottoressa Manuela Leone, presidente della Rifiuti Zero Sicilia – è stato quello del compostaggio, per il quale la Giunta comunale ha già vagliato un apposito regolamento comprensivo di possibile riduzione della Tari.

(183)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *