Covid Messina, De Luca: «Prorogherei la zona rossa fino a mercoledì prossimo»

È ancora solo un’ipotesi, ma il sindaco di Messina Cateno De Luca ha comunicato l’intenzione di prorogare la zona rossa fino a mercoledì prossimo, vale a dire il 3 febbraio, per poi procedere con riaperture graduali.

Mentre sul fronte regionale l’intenzione appare quella di concordare con il Governo centrale il ritorno alla zona arancione per la Sicilia già dall’1 febbraio – a confermarlo, ieri, è stato l’assessore alla Salute Ruggero Razza durante il suo intervento all’Ars –; il sindaco di Messina Cateno De Luca si mostra intenzionato a mantenere le attuali restrizioni per qualche giorno in più.

Sul finire della diretta conclusasi pochi minuti fa, il Primo Cittadino ha infatti ventilato l’ipotesi di una “ordinanza ponte” che farebbe rimanere Messina in zona rossa oltre la scadenza fissata dalla Regione al 31 gennaio 2021: «Prorogherei la zona rossa fino a mercoledì prossimo – ha affermato. Nel frattempo, ci si prepara all’apertura. Poi, da giovedì in avanti agirei gradualmente, in modo tale da seguire l’andamento epidemiologico in città».

«Questo – ha specificato – varrebbe anche per le scuole, non le aprirei tutte subito. Cercherei comunque di limitare ancora gli spostamenti. Non si può passare da un eccesso all’altro. È ancora un’ipotesi – ha sottolineato –, dite quello che ne pensate, in modo da arrivare ad una soluzione entro stasera». La decisione, quindi, dovrebbe essere presa in giornata e comunicata nella diretta che verrà trasmessa stasera sulla pagina Facebook del sindaco di Messina.

A margine, si potrebbe notare che un discorso del genere non sembra esattamente quello di una persona intenzionata a dimettersi, visto che propone un percorso che potrebbe andare oltre la “data di scadenza” del 5 febbraio 2021. In ogni caso, in mattinata si terrà la Commissione bilancio, cui il Primo Cittadino parteciperà. Dopodiché, il bilancio comunale verrà discusso in Consiglio venerdì pomeriggio.

(5179)

Categorie

Attualità

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *