La storia di Attilio Manca a teatro da sabato 21 novembre

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Sarà la rappresentazione teatrale “Vinafausa. In morte di Attilio Manca”, in scena al “Clan off” di Messina, sabato alle 21 e domenica alle 18,  a dare il via alla stagione artistica realizzata dall’associazione “Clan degli Attori”, che si chiuderà a maggio.

“Vinafausa. In morte di Attilio Manca” racconta una delle storie che hanno segnato profondamente la cronaca degli ultimi anni: la morte misteriosa dell’urologo messinese Attilio Manca.

«Vinafausa – ci chiarisce la regia di Michelangelo Maria Zanghì – non è una storia da raccontare, ma piuttosto un insieme di indizi che, messi insieme, indagano su chi siamo stati, chi siamo e chi vorremmo essere. Attilio, brillante medico trentaquattrenne è stato trovato senza vita nel suo appartamento, a Viterbo, dove lavorava all’ospedale Belcolle, con due buchi nel braccio sinistro. Overdose si disse. Suicidio, subito dopo. Ma nonostante la (presunta) verità che è stata accertata nel corso delle indagini e del processo, affiorano fantasmi dalla coscienza che fanno rumore e che ci chiedono altre domande, altre verità. Troppe le cose che non tornano, troppi i sospetti, troppe le coincidenze; troppo sangue per essere un suicidio. Forse, la morte di Attilio, allora, non è solo uno dei tanti casi, ma un tassello di qualcosa di più grande che ha fatto dell’Italia ciò che è oggi, della Storia un mistero, degli italiani di prima dei complici, degli italiani di oggi dei dimentichi. Ma tutto sta in una scelta: bene o male. Non è così netta, non può esserlo, ma può essere una consapevolezza, prima di tutto, prima dell’attesa, prima del non sapere. Sulla sua morte un’ombra nera, nerissima: Bernardo Provenzano».

(144)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.