Torrente Bisconte come una palude. Cacciotto: “E si parla di hotspot”

torrente bisconte Lo scorso 5 maggio il consigliere della III Circoscrizione Alessandro Cacciotto aveva richiesto all’amministrazione comunale di intervenire con un drastico intervento di pulizia nel torrente Bisconte,  temendo rischi per la pubblica incolumità visto il degrado e l’inquinamento che caratterizza l’intera area. Ma invece di un’operazione di bonifica, le parole di Cacciotto hanno dato il via al solito balletto di competenze. L’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua ha infatti riposto passando la palla a Messinambiente e Protezione Civile, lo scorso 1 giugno tocca al Dipartimento Sanità e Ambiente sottolineare come sia l’Amam a doversi occupare di scarichi fognari e la stessa Messinambiente della rimozione dei rifiuti. Per tale ragione il Dipartimento ha chiesto al Sindaco la convocazione di un tavolo tecnico.

“Non c’è ombra di dubbio che il Dipartimento Ambiente e Sanità abbia più volte sollecitato a tutti i soggetti interessati un tavolo tecnico per la bonifica dei torrenti cittadini, tra cui il torrente Bisconte – Catarratti – precisa Alessandro Cacciotto –  ma è evidente la constatazione che nonostante la buona volontà, tutto è rimasto fermo. Un vero e proprio balletto di competenze.  Il letto del torrente Bisconte – Catarratti è una bomba ecologica, un agglomerato di degrado, con i cittadini costretti ormai da anni a conviverci. E poi parliamo di hotspot”?

L’esponente della III Circoscrizione reitera la richiesta di un intervento urgente di bonifica del torrente, visto l’approssimarsi della stagione estiva. “I cittadini  – spiega – sono ormai al collasso, non riescono a stare in maniera decorosa all’interno delle loro abitazioni: insetti di ogni tipo, blatte, topi, materiale di risulta, tanto per fare alcuni esempi sono una cornice indegna per i residenti.Si chiede in particolare al Sindaco di convocare urgentemente un tavolo tecnico e di iniziare immediatamente i lavori di bonifica del torrente Bisconte – Catarratti”.

 

(146)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *