Ritardo pagamenti Garanzia Giovani, Zafarana: “troppi i tirocini avviati”

Garanzia-giovani-per eco

“Nonostante gli entusiastici annunci al termine della visita della delegazione di parlamentari europei in Sicilia, a Catania e a Messina, Garanzia Giovani è stata un’esperienza che ha prodotto troppe aspettative a fronte di soluzioni mal governate a livello locale, per molti giovani fallimentare, in molti aspetti da ripensare. A quanto pare anche a Bruxelles il PD nasconde la polvere sotto il tappeto”. Queste le dichiarazioni del deputato regionale M5s, Valentina Zafarana, pronunciate all’Ars al termine della visita ispettiva a Catania e Messina. Alla visita, effettuata insieme alla Commissione Controllo dei Bilanci e a rappresentanti della Corte dei Conti, erano anche presenti gli eurodeputati M5s Marco Valli e Laura Agea.

I deputati europei, Valli e Agea, hanno poi spiegato che “Dalle visite che abbiamo effettuato in questi giorni in Sicilia, dobbiamo denunciare che purtroppo la Garanzia Giovani non porta risultati tangibili in termini di creazione di nuovi posti di lavoro, dato confermato anche dalla relazione della Corte dei Conti europea. Per questo motivo, secondo noi, il programma va rivisto, orientandolo al conseguimento di risultati concreti per aumentare l’occupazione in sinergia con lo sblocco degli investimenti pubblici”.

“Ci sono anche gravi problemi amministrativi e burocratici – specifica la deputata messinese – che impediscono ai ragazzi di ricevere in modo puntuale i pagamenti per il lavoro svolto. A oggi, dopo aver chiesto spiegazioni alle autorità nazionali, regionali, all’Inps, non abbiamo ancora compreso le ragioni dell’eccessiva prenotazione di tirocini, che ha portato ai 47mila giovani avviati ai tirocini contro i 9.485 previsti dalla delibera di Giunta del 13 maggio 2014, probabile motivo del ritardo nei pagamenti”. La Zafarana conclude evidenziando che “i giovani, però, hanno lavorato regolarmente e, oltre a non aver percepito alcuna retribuzione, spesso hanno dovuto anticipare di tasca propria le spese per il trasporto e il vitto: una vera e propria vergogna, ancora di più in un Paese nel quale chi governa percepisce stipendi e rimborsi d’oro”.

(188)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *