Gli studenti messinesi ricordano Giovanni Falcone

ImmagineSi è svolta questa mattina in Rettorato, una manifestazione in cui i principali protagonisti sono stati gli studenti universitari e degli istituti di istruzione secondaria cittadini ed attraverso la quale l’Ateneo, nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci, ha voluto riaffermare il proprio impegno sul fronte della cultura della legalità e della lotta ai fenomeni criminali.“I giovani e la lotta alla mafia. In ricordo di Giovanni Falcone” è stato il tema dell’iniziativa, organizzata dal Centro Studi e Ricerche sulla Criminalità Mafiosa e sui Fenomeni di Corruzione Politico-Amministrativa, in collaborazione con il Centro di Orientamento e Placement.

La giornata ha avuto inizio, nell’atrio dell’Ateneo, con una mostra fotografica sul fenomeno mafioso. L’esposizione è stata curata da tutte le associazioni studentesche universitarie, che con impegno e passione hanno fornito il proprio contributo. Gli stessi studenti hanno accolto gli ospiti e i ragazzi delle scuole secondarie, invitati attraverso il Centro Orientamento e Placement d’Ateneo, che ha anche fornito informazioni sulla nuova offerta didattica.

In Aula Magna, subito dopo, si è svolto un seminario, al quale sono intervenuti il Rettore Pietro Navarra, il Presidente del Centro Studi Giovanni Moschella e il prof. Luigi Chiara, Direttore del Centro, che hanno introdotto importanti testimonianze, come quelle del Procuratore della Repubblica di Barcellona P.G. Emanuele Crescenti, del Presidente del Tribunale di Messina Antonino Totaro e del Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Messina Giovanni D’Angelo.

Contestualmente, gli alunni di alcuni istituti scolastici cittadini hanno attraversato in corteo il centro e il viale Giostra, impegnati in una marcia della legalità promossa con la collaborazione dell’associazione Libera, Addio Pizzo e V Circoscrizione.

 

(92)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *