Cgil, è tempo di bilanci. Crocè: “Al 2017 chiediamo la stabilizzazione dei precari siciliani”

FP CGILE’ tempo di bilanci anche per la Fp Cgil. Il sindacato ieri mattina ha riepilogato in una conferenza stampa tutte le principali vertenze in cui è stato protagonista al fianco dei lavoratori in una città costretta ad affrontare croniche problematiche in ambito occupazionale. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato il segretario generale Clara Crocè , Francesco Fucile, componente della segretaria , Antonio Trino coordinatore Sanità pubblica, Guglielmo Catalioto coordinatore Medici e Giuseppe Nava, coordinatore provinciale servizi sociali.

“L’anno che stiamo per lasciarsi alle spalle –ha esordito Clara Crocé – si chiude con due aspettative : i rinnovi contrattuali per i dipendenti pubblici e la stabilizzazione dei precari siciliani”. E sui rinnovi contrattuali la Cgil ha sottolineato l’importanza dell”accordo del 30 novembre per l’avvio dei contratti delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici. “Rappresenta una inversione di tendenza rispetto a quelle  politiche che hanno visto penalizzati i pubblici dipendenti che hanno pagato in termini economici 10 anni di crisi Possiamo tranquillamente affermare che abbiamo raggiunto l’obiettivo di aver smontato la riforma brunetta e il processo di legificazione del rapporto di lavoro. Pensiamo infatti al comparto dei vigili del fuoco dei ricercatori in campo sanitario. Sul fronte degli 85 euro ( impegno di incremento nel triennio)  vorrei ricordare – ha detto Clara Crocè- che il  rinnovo dei  contratti sul versante salariale è in linea con quanto è stato fatto nei settori privati negli ultimi mesi ed  in funzione del rafforzamento  della contrattazione di secondo livello. Il 2017,  si aprirà con l’assemblea nazione della RSU a Roma, per rendere esigibile l’accordo”.

Il sindacato ha poi espresso soddisfazione per la stabilizzazione dei precari del Comune di Messina . “Un successo  che ha visto protagonista la nostra sigla sindacale , la quale ha sostenuto una dura battaglia contro l’ipotesi di una stabilizzazione a 11 ore . La Fp Cgil continuerà nel percorso avviato con l’Amministrazione Accorinti al fine di raggiungere l’obiettivo della stabilizzazione di tutti i precari e di garantire 36 ore settimanali per tutti i dipendenti.  Ovviamente in tutti i Comuni la Fp Cgil  chiederà l’avvio dei processi di stabilizzazione”.

(108)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *