Ipab Asili d’infanzia. Lo stipendio manca da 42 mesi, Cisl chiede nuovo Commissario

calogero_emanuele«L’assessore regionale alla Famiglia firmi il decreto di nomina del Commissario Straordinario dell’Ipab Società Asili d’Infanzia che giace sulla sua scrivania da circa due mesi». L’invito formale, dopo reiterate richieste verbali, è della Cisl Fp di Messina che ricorda come l’ultimo Commissario nominato, insediatosi il 4 novembre 2014, è giunto alla fine del mandato l’11 gennaio 2015.

«È stata una fugace illusione – affermano Calogero Emanuele, segretario provinciale della Cisl Fp, ed Enza Ruggeri, segretaria provinciale Cisl Fp – che aveva riacceso la speranza di un nuovo principio per aver trovato finalmente qualcuno che stesse iniziando a porre in essere azioni concrete. Una speranza durata appena tre mesi».

La Cisl Fp, che da anni pone l’accento sulla condizione delle Ipab della provincia di Messina, denuncia come le strutture di assistenza continuino ad essere avvolte da una grande e insostenibile precarietà, sia in termini di risorse economiche che umane, che continua a rendere impossibile la prosecuzione della normale attività istituzionale aggravata dall’assenza di un legale rappresentante.

«Il personale dipendente, umiliato e stremato, è senza retribuzioni da oltre 42 mesi –ricordano Emanuele e Ruggeri – è necessario un intervento urgente, forte e determinato, che ponga porre  fine a questa lenta ed inesorabile agonia. Bisogna ridare dignità a lavoratori che sono stanchi di essere ignorati, che vengono considerati un peso, un esiguo numero, un problema senza soluzione. L’assessore risponda in maniera chiara ed inequivocabile sul futuro delle Ipab siciliane e messinesi».

(143)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *