Vertenza Teseos. Nulla di fatto nell’incontro all’Uffico del lavoro

fpcgilSi è concluso con un nulla di fatto l’incontro all’Ufficio provinciale del lavoro per discutere le procedure di licenziamento dei lavoratori Teseos. Al tavolo non si sono presentati l’Asp e la Ssr.

La Fp Cgil ha evidenziato che non è possibile procedere al licenziamento dei 100 lavoratori senza procedere all’immediata riassunzione nella società Ssr, come del resto prevede l’art. 37 del Ccnl cooperative sociali.

«Infatti, dopo la vendita della quota delle azioni di proprietà dell’Asp, acquistata dal consorzio Sisifo — spiega Clara Crocè, segretario generale del sindacato —, le tre cooperative socie Teseos, Rigenera e Obiettivo salute devono necessariamente licenziare i lavoratori per procedere al passaggio degli stessi alla Ssr. Alle tre cooperative socie e il consorzio Sisifo, non spetterà la gestione del personale il quale dovrebbe transitare nella società Ssr. Atto propedeutico per ottenere l’accreditamento da parte della Regione. È necessario, pertanto, mettere tutti gli attori introno a un tavolo per definire il passaggio dei lavoratori per garantire tutti i livelli occupazionali».

«L’iter burocratico per definire il nuovo assetto societario è piuttosto lungo. Non vorremmo trovarci — conclude — al 31 dicembre senza un nulla di fatto». La Fp Cgil ricorda, che dal primo gennaio 2014 la Ssr non potrà avere alcuna convenzione con l’Asp. Il rischio reale è la sospensione della parte dei servizi riabilitativi erogati dalla Ssr. Un nuovo incontro è stato intanto fissato per il sei dicembre.

 

(46)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *