aliscafo metromare

Trasporto veloce sullo Stretto. Orsa: «Bene per i 30 mln ma preoccupa la gestione della fase transitoria»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

aliscafo metromare

Dopo l’incontro con il Capo di Gabinetto del Prefetto, tenutosi lo scorso 11 dicembre in seguito al sit-in dei marittimi UsticaLines e Bluferries, il Senato della Repubblica ha approvato l’emendamento alla Legge di Stabilità che prevede gli stanziamenti necessari alla garanzia di trasporto nello Stretto di Messina per i prossimi tre anni.

«Nonostante la buona notizia – scrive l’Orsa – la vertenza dei marittimi è tutt’altro che risolta, i tempi necessari ad espletare le procedure per un nuovo appalto sono significativamente lunghi e ad oggi non si sa come sarà gestita la fase provvisoria dopo il 31 dicembre. Rfi è stata incaricata dal Ministro dei Trasporti a coordinare il periodo transitorio ma mancano solo nove giorni al 31 dicembre e di certo c’è solo l’insufficienza della flotta “pubblica”, riconducibile a due soli mezzi veloci in forza alla controllata Bluferries quando ne servono almeno cinque per fornire un adeguato collegamento fra Messina, Villa S.Giovanni e Reggio Calabria».

«Intanto – prosegue il sindacato –, UsticaLines, che attualmente garantisce il collegamento con Reggio Calabria, non è stata ancora coinvolta e in vista di scadenza dell’ultima proroga si appresta a completare le procedure di licenziamento attivate per 57 marittimi, destinati alla disoccupazione già all’inizio del nuovo anno. Alla luce dei fatti la tensione dei lavoratori è divenuta incontrollabile e non sono da escludere eclatanti manifestazioni di disperazione che potrebbero compromettere l’ordine pubblico».

Pertanto, l’Orsa chiede al Prefetto di convocare in Prefettura tutte le parti interessate: Rfi, UsticaLines e Organizzazioni Sindacali «per definire con certezza i programmi di gestione provvisoria del traghettamento veloce e, se fosse necessario, intercedere all Ministero dei Trasporti col fine di evitare la temporanea sospensione del servizio essenziale e l’ulteriore compressione dei livelli occupazionali».  

 

(73)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.