Preintesa su Casa Serena, Crocè sotto attacco del Movimento

Pubblicato il alle

2' min di lettura

clara crocéSi e` riunito stamane presso l`Ufficio provinciale del lavoro il tavolo per la preintesa sulla concessione degli ammortizzatori sociali ai 104 lavoratori della Casa di riposo Casa Serena. Da un primo esame e’ emerso che la ditta Azione sociale possiede i requisiti per richiedere la concessione della CGIS- dichiarano Clara Croce’ Segretario Generale della FPCGIL e Giovanni Andronaco responsabile aziendale- in quanto non opera in convenzione ma in regime di appalto con il Comune. Purtroppo la cooperativa azione potra’ accedere alla CIGS soltanto fino al 30 giugno 2013, in quanto ha superato il limite dei diciotto mesi, in quanto in passato ha gia’ collocato in CIGS altri lavoratori impiegati in altri servizi. Dopo il 30 giugno per i lavoratori di Casa Serena potrebbe esserci il baratro se il C omune non dovesse provvedere ai lavori necessari per la messa in sicurezza della struttura. La FPCGIL chiede – continuano Croce’ e Andronaco un urgente incontro al Dirigente De Francesco per avere chiarimenti sullo stato di avanzamento dei lavori e sulle prossime iniziative da intraprendere per scongiurare la messa in mobilita’ dei lavoratori. Intanto su Facebook il Movimento spontaneo lavoratori Servizi sociali che oggi con il segretario della Fp Cisl, Calogero Emanuele, è stato ricevuto dal Capo di Gabinetto del commissario Croce scrive: “La vergogna della CGIL continua. La segretaria FP CGIL fà volantinaggio di deleghe sindacali all’interno dell’ufficio COOP. EUROPA anziché intimare il riavvio dei servizi, VERGOGNA. Se oggi non avremo da parte della Cooperativa EUROPA la data dell’inizio attività, prima manderemo a quel paese i sindacati e poi scenderemo in piazza per chiedere con forza la ripresa dei servizi”. Questa la replica della Crocé: “Il Movimento Spontaneo Lavoratori Servizi Sociali rappresentato dai sindacalisti aziendali della Cisl Franco Bertuccelli e Mario Buzzai non esiste, sono loro la vergogna di tutti i servizi sociali, i lavoratori conoscono storia e fatti dei medesimi, la Fp Cgil non ha bisogno di fare deleghe alla coop. Europa perché le deleghe vengono fatte nei sit-in dove partecipano i lavoratori, alcune le riceviamo pure via mail, il Movimento si è rivelato un bluff perché dietro ci sono la Cisl e il Megafono, i lavoratori lo hanno capito e hanno preso le distanze da loro, anzi dirò di più: li querelo”. 

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.