La burocrazia ferma l’attività della Nebrodi inerti. Oltre 40 operai rischiano il posto di lavoro

tn Nebrodi InertiAttività ferme alla Nebrodi Inerti srl, società di San Marco D’Alunzio impegnata nell’attività estrattiva. A fermare 40 lavoratori tra diretti e indotto e mettere a rischio licenziamento 14 operai è l’ennesimo problema burocratico legato al mancato rilascio di un parere da parte dell’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente in merito all’istanza di V.I.A. (valutazione di impatto ambientale) presentata dalla società. A denunciarlo sono Giuseppe Famiano e Giuseppe De Vardo, segretari generali di Filca Cisl Messina e Feneal Uil Messina. «La società — dicono — ha ottenuto tutti i pareri favorevoli dai competenti enti e non si comprende il motivo per il quale l’Assessorato non ha ancora espresso il proprio parere sull’istanza di V.I.A. Così la società è stata costretta, anche per il 2013, a chiedere la cassa integrazione in deroga per i lavoratori». Il perdurare di questa situazione determinerà la chiusura definitiva della società e il licenziamento di 14 lavoratori  tra operai e impiegati, oltre tutto l’indotto dove sono impegnati oltre 40 persone tra autotrasportatori, elettricisti, e meccanici. La Filca Cisl e la Feneal Uil hanno chiesto un incontro urgente al Presidente della Regione, Rosario Crocetta, e all’Assessorato al Territorio per trovare una rapida soluzione al problema al fine di scongiurare il licenziamento dei lavoratori.

(61)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *