In migliaia in strada allo sciopero di Cgil e Uil. Marongiu: “Nel Jobs Act non c’è risposta al lavoro”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

sciopero Cgil Uil 12 dicembre 2014Un partecipato corteo questa mattina ha attraversato le strade di Messina per la manifestazione territoriale nella giornata dello sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati indetto da Cgil e Uil contro le misure Governo Renzi, Jobs Act e Legge di stabilità, per vere politiche economiche e di contrasto alla precarietà e alla povertà, per estendere le tutele a tutto il mondo del lavoro e non toglierle, per difendere l’art.18 e salvaguardare le conquiste dei lavoratori, per il rinnovo dei contratti. Presenti tutte le realtà lavorative del territorio con delegazioni dai comuni della provincia. I lavoratori messinesi dell’edilizia, dei settori pubblici, dell’industria, del commercio, i precari, i giovani del territorio hanno sfilato per il centro urbano sotto lo slogan “così non va!”, per chiedere misure che creino occupazione, che portino sviluppo nei territori del Sud dove l’emergenza lavoro si aggrava. Presenti anche rappresentanti di Sel, Rifondazione comunista, Cambiamo Messina dal Basso, Comunisti Italiani.

Dal palco di piazza Lo Sardo, davanti ai giovani con lo striscione “giù le mani dall’art.18”, gli interventi dei segretari, dei dirigenti sindacali, dei delegati. “Siamo qui in tanti per dire al Governo che le misure sono sbagliate, per dire no a provvedimenti che colpiscono i lavoratori, che aumentano la precarietà, che non portano occupazione, che penalizzano il Mezzogiorno”, ha detto il segretario generale della Cgil di Messina, Lillo Oceano. Nell’intervento introduttivo, il segretario generale della Uil di Messina Carmelo Catania ha evidenziato come “servono misure diverse, e per questo abbiamo suggerito al Governo Renzi dove trovare le necessarie risorse per investire in sviluppo ed occupazione, le risorse ci sono per ridistribuirle a lavoratori e pensionati, anche recuperandole da una seria lotta ad evasione fiscale e corruzione, dai tagli ai costi della politica che invece crescono mentre si tolgono i diritti ai lavoratori”.

“Scioperiamo e siamo in piazza perché dentro quello che il Governo fa non c’è una risposta alla condizione sociale così complessa che il Paese sta attraversando”, ha evidenziato il responsabile dell’area welfare della Cgil nazionale Nicola Marongiu che si è soffermato sulla Legge di stabilità: “dentro quella legge non c’è una risposta al lavoro, alla povertà”.

Dal palco anche gli interventi dei delegati, dei lavoratori, degli studenti. La manifestazione di questa mattina ha dato voce alle rivendicazioni di un territorio particolarmente colpito dalla crisi e che chiede misure per lo sviluppo, investimenti.

(53)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.