Fsi a Crocetta: «Negli ospedali mancano i farmaci, perché si temporeggia sugli incarichi?»

FSI

«Negli ospedali mancano i farmaci, i letti, gli infermieri, gli ausiliari, i tecnici e gli strumenti e la Regione temporeggia sulla spartizione degli incarichi dei direttori amministrativi e sanitari. Perché le nomine dei manager della sanità messinese sono impantanate a Palermo in attesa della delibera di Giunta Crocetta, pur essendo in regola con i requisiti?». Così il segretario territoriale della Federazione Sindacati Indipendenti, Giovanni Micali, interroga il Governatore Rosario Crocetta, l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, e il Ministero della Salute.

«Ma perché, dopo uno studio e selezione di un anno e mezzo su 600 candidati – riprende Micali –, sta trascorrendo tutto questo tempo per ratificare il decreto regionale, visto che le Aziende ospedaliere necessitano di una dirigenza capace di gestire i bilanci e l’assistenza clinica? La situazione ha del surreale. Le Amministrazioni sanitarie devono esistere non per motivi politici bensì per la cura dei pazienti. Di conseguenza, la nostra Organizzazione Sindacale pretende chiarezza dal Governo, dal relativo assessorato e dal Ministero competente sulle lungaggini dell’insediamento dei manager».          

«La rinuncia del direttore dell’ospedale “Garibaldi” di Catania — prosegue il comunicato del sindacato — e le verifiche imposte dal capogruppo di Forza Italia all’Ars, Marco Falcone sui dirigenti delle Asp di Palermo, Trapani ed Agrigento non possono danneggiare le altre città, in particolare Messina, dove le nomine rispecchiano i criteri previsti dalla legge. Nonostante ciò, a tutt’oggi, senza la delibera di Giunta, il decreto non può passare all’esame della I Commissione all’Ars immobilizzando le stesse nomine».

«A questo punto, la Federazione Sindacati Indipendenti – afferma il segretario territoriale —  chiede alla Regione di accelerare l’iter affinché i manager già nominati e controllati possano prendere servizio nel più breve tempo possibile e sbloccare tutte le procedure stagnanti per fare ripartire con serietà la macchina amministrativa. Per l’esattezza, i direttori generali del Policlinico universitario e dell’Azienda Ospedali Riuniti Papardo-Piemonte hanno il diritto di insediarsi i primi di maggio, com’era stato disposto dal Governo siciliano». «I direttori generali devono avere potere decisionale (non soltanto sulla carta) riguardo alla nomina dei direttori amministrativi e sanitari — conclude Micali — e non devono essere soggetti a strategie clientelari».

 

(53)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *