erbaalta

Erba alta ma non “medica” alla Guardia Medica di S. Filippo. La denuncia della Cisl Fp

Pubblicato il alle

2' min di lettura

erbaaltaLa Guardia Medica di S. Filippo del Mela invasa da erbe e sterpaglie. Numerose le lamentele degli operatori e dell’utenza che lamentano il rischio igienico-sanitario. A nulla sono servite le richieste di intervento per una pulizia straordinaria degli spazi. La coordinatrice ha segnalato gli inconvenienti al responsabile della medicina di base di Milazzo, ma – dichiara – «nessuna iniziativa è stata intrapresa per dare decoro e vivibilità agli ambienti della Guardia Medica».

Nei giorni scorsi, alla Cisl Fp, sono giunte numerose segnalazioni degli operatori e dell’utenza che giornalmente fruisce dei servizi. «In quella Guardia medica – spiega Calogero Emanuele, segretario provinciale della Cisl Fp – vengono svolti servizi anche di emergenza-urgenza a cura degli operatori del 118, costretti a sostare con le ambulanze in spazi in invasi da erbe, detriti e ammassi di materiali che certamente non danno il giusto decoro ad ambienti sani e adibiti a servizi sanitari, nella maggior parte dei casi rivolti ad anziani affetti da patologie varie che vengono ancora di più compromesse dalla situazione igienico-sanitaria degli ambienti, diventati inoltre rifugio di animali vari che mettono a rischio la salute e l’incolumità degli operatori di guardia medica ma anche degli operatori del 118».

Condizionatori non revisionati e non funzionanti, impianto elettrico non a norma, sono solo alcuni dei problemi che si registrano nella struttura. «È necessario – sottolinea il segretario della Cisl Fp – che vengano disposti interventi urgenti, se occorre predisponendo un intervento sostitutivo, per evitare ulteriori disagi e danni all’utenza e agli operatori. Certo, questa ulteriore nostra segnalazione in merito alle disfunzioni e disservizi del territorio, vedi servizi distrettuali e ospedalieri di S. Agata Militello, arriva nel momento di insediamento del nuovo direttore generale, ma proprio per questo siamo fiduciosi e auspichiamo che dia un nuovo corso nella gestione dell’Azienda Sanitaria provinciale che in questi anni è stata molto travagliata e variegata a causa di ingiustificate prese di posizioni del Presidente della Regione Crocetta».

(61)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.