Centralinisti Amam sgarbati. I Sindacati: “Non scontrosi ma esasperati”. Pronti alla protesta

palazzo amamDiverse sono state le proteste degli utenti nei confronti dell’Azienda Meridionale Acque e dell’atteggiamento tenuto nei loro confronti da alcuni dipendenti della stessa. La Filctem Cgil e la Femca Cisl, ora, fanno sapere che quegli stessi dipendenti versano in condizioni lavorative che li hanno portati all’esasperazione. Il 18 Marzo, Rsu e lavoratori Amam si sono riuniti in assemblea per affrontare il nodo del riassetto organizzativo dell’azienda. Corretto inquadramento delle attuali figure professionali, progressioni verticali interne e assunzioni sono le urgenze che i lavoratori e il sindacato rivendicano, attraverso l’espletamento dei riti ad evidenza pubblica laddove la legge lo ritiene obbligatorio. «La carenza di personale all’Amam ― hanno detto le sigle sindacali ― è diventata insostenibile per la gestione in sicurezza e piena efficienza del servizio essenziale di distribuzione dell’acqua alla città». Le Rsu fanno riferimento anche agli ultimi episodi che hanno visto protagonisti alcuni addetti Amam e il loro atteggiamento “scontroso” nei confronti dell’utenza, che «dimostra, ancora una volta ― continuano i sindacati ―, il grado di esasperazione con la quale i lavoratori devono affrontare ogni giornata lavorativa, misurandosi con le proteste e, spesso, le minacce di un’utenza che ogni giorno di più lamenta disservizi e criticità. E pur tra mille difficoltà, le maestranze dell’Amam non si sono mai sottratte dal mantenere un elevato rigore etico, sia nello svolgimento delle loro mansioni, sia nel rapporto con i cittadini». «Da anni le rappresentanze sindacali hanno chiesto, ai vari Cda che si sono alternati, di farsi carico, insieme alla direzione aziendale, della riorganizzazione dei servizi e dei carichi di lavoro, invocando le necessarie procedure di evidenza pubblica per il reperimento del personale di forza lavoro». Nel tempo, però ― specificano le Rsu ― «i vertici aziendali si sono trincerati sempre dietro l’ambiguità dello stato giuridico dell’azienda, ma ci chiediamo e ci chiedono i lavoratori e l’opinione pubblica: se non conoscono e non conoscevano lo stato giuridico dell’Azienda, come hanno fatto ad amministrare la stessa fin’ora?». I lavoratori dell’Amam sono stanchi ― dicono unitamente i sindacati. E, chiamati a garantire ogni giorno il servizio idrico per la città, chiedono: il graduale completamento della pianta organica, reclutando il personale mancante secondo le necessarie procedure ad evidenza pubblica; che sia dato impulso alle crescite professionali interne; che venga completato il quadro dirigenziale, oggi quasi del tutto scoperto e che vede presente solo del Direttore Generale. Le Rsu si dichiarano disposte a portare avanti anche azioni eclatanti di protesta al fine di accertare le diverse responsabilità che hanno ridotto l’azienda in questo stato dell’arte.

(73)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *