Presidio Aicon

Palermo. Firmato il decreto per gli ex Aicon rimasti senza mobilità

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Presidio AiconSono tornati con in tasca il decreto di mobilità firmato i lavoratori ex Aicon, ieri in presidio a Palermo. «Una bella soddisfazione e finalmente un sospiro di sollievo per i 324 ex dipendenti e le loro famiglie — dichiara Vincenzo Capomolla di Usb (Unione Sindacale di Base). Ancora una volta la dimostrazione che l’impegno e la mobilitazione dei lavoratori paga».

Licenziati il 30 gennaio, avevano visto scadere tutti i termini e si erano ritrovati senza decreto di mobilità e senza alcun supporto economico al quale invece avevano diritto. Lunedì 10 la Commissione Regionale per l’Impiego era stata disertata proprio dalle parti sindacali che ne fanno parte e l’Inps si era vista costretta a chiudere i rubinetti e a interrompere i pagamenti.

«Per questo ci siamo visti costretti a questa nuova mobilitazione — continua il dirigente Usb —, stavolta direttamente a Palermo davanti alla sede dell’assessorato, e abbiamo subito chiarito che non eravamo disposti ad andarcene senza soluzioni concrete nero su bianco. In mattinata siamo stati ricevuti ed ecco i decreti firmati e l’assicurazione che sarebbero stati inviati immediatamente all’Inps».

«Chiusa finalmente questa pagina — conclude —ora ne dobbiamo aprire un’altra con l’obiettivo dell’occupazione e del diritto al lavoro. C’è da attivare e far camminare quel tavolo apposito, deciso qualche settimana fa nel corso dell’audizione avuta alla Commissione Parlamentare Lavoro dell’Ars, sapendo che nulla sarà facile e scontato e che sarà necessaria la partecipazione e la spinta corale dei lavoratori».

(57)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.