Camera di commercio. Conclusi i tre giorni di in-formazione sui Green Jobs

grenn jobsConcluse ieri pomeriggio, al Palazzo camerale, le tre giornate di in-formazione dedicate alla promozione delle potenzialità di impiego e auto-impiego offerto dalla “Green Economy”, organizzate dall’Azienda speciale servizi alle imprese della Camera di commercio in sinergia con “Anima Mundi”, la cooperativa sociale che da 18 anni si occupa di educazione e comunicazione ambientale.

Durante la “Green Jobs Young”, la prima delle tre giornate dedicata a un pubblico più giovane, Emma Schembari di “Hub” e Serena Bonura e Manuela Trovato di “Anima Mundi”, hanno informato circa sessanta studenti delle scuole medie superiori sulle opportunità offerte dal settore dei “lavori verdi”, alla presenza dell’assessore comunale alla Pubblica istruzione, Patrizia Panarello.

Nella provincia di Messina il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni ha raggiunto il 40,3%. Proprio quando i settori d’impiego tradizionali del capoluogo, quali la pubblica amministrazione, l’edilizia e il commercio registrano una forte contrazione, contribuendo alla riduzione delle opportunità d’impiego e auto-impiego. In Sicilia, e nella provincia di Messina in particolare, il settore legato ai lavori verdi fatica a espandersi, spesso per mancanza di manodopera qualificata e di operatori economici disponibili ad ampliare l’offerta di beni e servizi sostenibili. In tutta Italia, invece, sono circa 100.000 gli occupati nel settore dei lavori verdi e quasi 2 milioni in tutto il mondo: uno squilibrio concreto tra le tendenze occupazionali della provincia con quelle del resto della penisola.

La seconda giornata dei lavori è stata dedicata, invece, al “Turismo Eco-sostenibile”. Obiettivo dell’incontro è stato quello di fornire elementi per una comprensione del fenomeno analizzando la “domanda di turismo sostenibile” e i bisogni del viaggiatore responsabile; le micro attività imprenditoriali che si possono attivare lungo la filiera del turismo responsabile, attraverso il racconto di due cases studies esemplari nel settore, ovvero di due strutture costruite in balle di paglia e che hanno attivato progetti di ospitalità sostenibile; le figure professionali “green” necessarie per lo sviluppo del settore. A relazionare sono stati Domenico Siracusano del “Cts”, Tiziana Cicero della “Casa di paglia Felcerossa” e, in videoconferenza, Enrico De Luca di “Viaggi e miraggi” e Andrea Zanzini del “B&B in balle di paglia Sasso Erminia”.

Infine, nel corso dell’ultima giornata si è discusso di “Attività commerciali sostenibili”, dal risparmio energetico ai prodotti biologici, riciclati, a km0; della distribuzione di prodotti ecologici ed eco-compatibili; dell’ideazione di un negozio che, sin dalla scelta degli arredamenti, intende educare alla sostenibilità; e di moneta virtuale con cui fare scambi di beni, servizi e prestazioni professionali. Relatori del terzo incontro sono stati Andrea Seminara di “Sicanex”, Domenica Virzì di “Biolis” e, in videoconferenza, Giuliana Zoppis di “Best UP” e Alice Cubeddu de “L’ Apebianca”.

A partecipare, sempre in videoconferenza, è stato anche il giornalista Marco Gisotti, autore insieme a Tessa Gelisio della “Guida ai Green Jobs, come l’ambiente sta cambiando il mondo del lavoro”. 

(48)

Categorie

Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *