Ventidue anni di botte dal marito-nemico, poi lo denuncia. Campagne anti violenza e talk show non servono a nulla?

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Quante volte ci siamo indignati di fronte alla tv, nel sentire storie di  donne vittime di violenza. Storie di ragazze, mogli, madri che purtroppo non ce l’hanno fatta a sopravvivere alla prepotenza divenuta aggressione, alla sopraffazione senza freni di chi diceva di amarle, ma che si è rivelato solo un violento criminale, un assassino senza scrupoli.

Quante volte ci hanno detto di denunciare, di non subire i soprusi del fidanzato, del marito o dell’ex che non si rassegna e  ci perseguita ancora. Quante volte ci hanno bombardato con notizie e dati  sulla violenza che spesso nasce e cresce tra le mura domestiche, forte di quel silenzio che diventa un patto “necessario” tra la vittima e il suo aggressore: stai zitta o ti ammazzo. E lei per paura sta zitta, tace per stare tranquilla, per non essere ammazzata, fino alla prossima volta in cui verrà massacrata di botte.

Eppure, nonostante l’informazione attraverso i media sia da anni costante e puntuale e le associazioni in difesa delle donne si impegnino quotidianamente nel portare avanti la loro battaglia contro la violenza e a tutela delle vittime, la cronaca quasi quotidianamente ci ricorda che la strada da fare è ancora tanta.

La storia di oggi, segnalata dalla Polizia, è quella di una donna che per ben 22 anni ha preso botte, subito insulti, violenze fisiche e psicologiche da parte del marito. Lui sempre ubriaco, tornava a casa ed ogni scusa era buona per metterle le mani addosso. Un inferno inimmaginabile, considerato anche quanto è durato.

La fine dell’incubo sembrava essere arrivata un anno fa, quando la donna decise di chiedere la separazione per mettere finalmente un punto ad una vita fatta di abusi e maltrattamenti.

Ma non era così, anche da separati, l’uomo continuava a perseguitarla e a molestarla, fino a quando la donna ha trovato il coraggio di affidarsi alle Forze dell’Ordine ed è andata a denunciare il suo “carnefice”. Per il marito è scattato l’arresto, è stato ristretto ai domiciliari, in un’abitazione diversa da quella di famiglia.

La liberazione è davvero arrivata. Ora la speranza è che la legge non sia troppo tenera, come in molti casi in Italia è stata, perchè non ce la facciamo più a sopportare,  partecipare a convegni, a celebrare Giornate mondiali contro la violenza e di sentire o raccontare l’ennesima vicenda di abusi.

La donna della storia che oggi vi abbiamo raccontato si è liberata dal marito- nemico dopo 22 anni. Ce l’ha fatta a resistere e soprattutto ad alzare la testa e denunciarlo. Forse troppo tardi. Chi le restituirà quella vita che per paura o per semplice vocazione alla sottomissione ha rinunciato a vivere? Molto semplice. Nessuno.

Marika Micalizzi 

 

 

 

 

(358)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ma stiamo parlando di 22 anni di botte o di 2 giorni? Come si fa a sopportare un individuo che ti picchia per 22 anni? Penso ci sia sottosotto una forma di masochismo altrimenti non si sa bene come spiegare una sopportazione di violenza simile. f

error: Contenuto protetto.