Tenta di incendiare un distributore di benzina, arrestato

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Si reca in una stazione di servizio per fare benzina, litiga con un adetto al rifornimento e un avventore, li minaccia con un’ascia e poi tenta di dare alle fiamme la piazzola del distributore. Protagonista dell’episodio, avvenuto lunedì mattina a Trappitello, è Giuseppe Sterrantino arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Taormina, subito intervenuti per evitare il peggio.

Saranno adesso i militari dell’Arma a chiarire i contorni della vicenda e appurare le motivazioni che hanno spinto il 36enne, già noto alle forze dell’ordine, a compiere un gesto così pericoloso. Forse alla base di tutto vi è  la mancanza di lucidità dell’uomo dovuta all’alcool che ha annullato i freni inibitori, ma la dinamica e le responsabilità sono ancora al vaglio degli inquirenti.

Dopo essere stati minacciati con l’ascia, i gestori del rifornimento hanno immediatamente chiamato il 112, nel frattempo Sterrantino si era dileguato. La pattuglia, giunta in via Francavilla,  ha notato il 36enne sulla propria autovettura intento a dirigersi nuovamente verso il distributore. I militari hanno invertito la marcia e si sono messi a seguire il sospettato. L’autovettura dell’uomo e quella dei Carabinieri sono entrate una dopo l’altra nelle piazzole della stazione di servizio. Sterrantino è rimasto a bordo della vettura e  ha tirato fuori un piccola tanica, rovesciando liquido infiammabile sull’asfalto. I Carabinieri sono subito scesi dall’auto ed hanno evitato che lo Sterrantino riuscisse a completare l’opera con la sigaretta o con un accendino, successivamente posti sotto sequestro.

L’uomo è stato portato in ospedale per gli accertamenti del caso e poi tratto in arresto. Attualmente è stato rimesso in libertà in attesa della definizione della vicenda processuale e della convalida.

(416)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.