Spaccio di droga nei villaggi della zona sud di Messina, cinque condanne

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Cinque condanne ed un’assoluzione.  Si è concluso così il processo scaturito  dall’operazione “Biancaneve”, sullo spaccio di droga nei villaggi della zona sud di Messina tra Santa Margherita, Giampilieri e Galati Marina.

I giudici della Prima sezione penale del Tribunale hanno condannato  Tommaso Mangano a 6 anni e 9 mesi di reclusione, Lavinia Trimarchi ad un anno e 6 mesi, Melania Francesca Billè a 10 mesi, Vincenzo Quattrocchi ad un anno e 10 mesi, Giulia Minutoli a 9 mesi. Concessa la sospensione della pena per Trimarchi, Billè e Minutoli. Assolto Antonino Bonaffini con la formula “perché il fatto non sussiste”.

I giudici hanno anche disposto il  “non doversi procedere” nei confronti di una settima persona imputata e nel frattempo defunta. L’ operazione Biancaneve, iniziata nel 2014, portò alla luce un vasto giro di droga, cocaina e marijuana, attivo nella zona sud. Tutto partì dalla preoccupazione di una madre. La donna, allarmata dagli strani atteggiamenti, spesso anche violenti, del figlio ( il ragazzo chiedeva costantemente denaro, rientrava tardi la sera e in generale aveva una vita sregolata) denunciò il giovane temendo fosse finito in un brutto giro.

(354)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.