Scarcerato Francantonio Genovese. Torna agli arresti domiciliari

francantoniogenovede.jpgArresti domiciliari per l’on. Genovese. I giudici del tribunale feriale, presidente Minutoli, a latere Pagana e Misale, hanno sostituito la misura della custodia in carcere applicata a Francantonio Genovese il 15 gennaio 2015, con quella degli arresti domiciliari, ritenuta adeguata e sufficiente a fronteggiare le esigenze cautelari.

Ecco l’ennesima tappa della storia giudiziaria di Francantonio Genovese,imputato nel processo sulla Formazione, denominato Corsi d’oro, entrato in carcere, la prima volta, nel maggio 2014, subito dopo che la Camera dei deputati aveva votato l’autorizzazione al suo arresto. Ne uscì 6 giorni dopo , il 21 maggio. Dopo l’interrogatorio di garanzia il Gip di Messina aveva ritenuto che pur permanendo il concreto pericolo di reiterazione di analoghe condotte criminose, allo stesso tempo erano “attenuate le esigenze cautelari, tenuto conto anche dell’atteggiamento dell’indagato il quale, “pur avendo avuto la concreta possibilità di sottrarsi all’esecuzione della misura, durante l’esame dinanzi alla Camera dei deputati, si era spontaneamente costituito”

Ma il 30 agosto dello stesso anno, il Tribunale del Riesame di Messina, accogliendo il ricorso della Procura, ne ridispose la custodia cautelare in carcere. I giudici annullarono l’ordinanza del Gip che scarcerava il parlamentare al tempo solo indagato per associazione per delinquere truffa e frode fiscale. Poi il rinvio a giudizio, per l’ex segretario regionale del Pd e altri 31 coinvolti nello stesso procedimento.

Oggi, il suo difensore, avvocato Nino Favazzo, ha dichiarato:
“Un provvedimento,quello del tribunale, con cui vengono applicati incontrovertibili principi di diritto ed è stato compiuto un primo, significativo passo per porre fine ad una situazione di palese ingiustizia. L’unico mio rammarico è che la attenuazione del regime carcerario nei confronti di Francantonio a Genovese giunge con almeno sei mesi di ritardo.”

Patrizia Vita

(2356)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *