Sacelit: 600 mila euro per i familiari delle vittime dell’amianto

sacelit2Sacelit: un nome collegato ormai a troppe morti. Salvatore Nania, il sindacalista presidente del comitato “Esposti all’amianto”, nonché ex dipendente dell’azienda, si batte da anni per la causa dei colleghi colpiti dagli effetti dall’amianto che veniva lavorato nella fabbrica. Nania comunica che sono in arrivo 600 mila euro di risarcimento da destinare alle famiglie di quattro dipendenti defunti e a una quinta famiglia per la morte della moglie di un ex dipendente,  a tre ex dipendenti e due mogli di lavoratori affetti da patologie causate dall’esposizione. Il sindacalista ha tenuto a precisare che le somme di denaro non serviranno a riportare in vita i compagni di lavoro e di vita ma saranno utili alle famiglie per evitare lunghe cause in tribunale. Fino ad oggi, la Sacelit ha stanziato circa 16 milioni di euro  per il pagamento dei rimborsi ai familiari della vittime.

(59)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *