sindaco di messina cateno de luca

Processo Fenapi, la sentenza il 10 gennaio. De Luca: «Un’ingiustizia trovarmi in quest’aula»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

È stata rinviata al 10 gennaio 2022 la sentenza del processo Fenapi, che vede coinvolto il sindaco di Messina, Cateno De Luca. Ieri, dopo un’udienza durata oltre 6 ore, il Giudice ha rimandato la decisione, che sarà presa tra 40 giorni L’accusa è di evasione fiscale, nell’ambito della gestione del patronato. Il Pubblico Ministero ha chiesto 3 anni di carcere per il Primo Cittadino.

Il dibattimento svoltosi ieri, giovedì 2 dicembre 2021, è iniziato alle 11.30 ed è finito intorno alle 17.30. Appena uscito dal Tribunale di Messina, il sindaco Cateno De Luca ha rilasciato alcune dichiarazioni in diretta Facebook, commentando brevemente quanto accaduto: «Speravo che il dibattimento si concludesse con la sentenza, ma purtroppo non è così, dopo 10 feste natalizie trascorse anche sulle carte giudiziarie, perché ho seguito ogni singolo procedimento legale, sono stato sempre a fianco dei miei legali. Anche oggi ho preso la parola, ho ribadito in 40 minuti quella che è l’ingiustizia già nel trovarmi in quest’aula di tribunale. Purtroppo, per motivi organizzativi, il Giudice ha comunicato che comunicherà la sentenza il prossimo 10 gennaio».

«Speravo – ha proseguito – in un po’ di serenità. Purtroppo non è così, dobbiamo attendere. Il Pubblico Ministero ha formulato la sua richiesta. Tre anni di carcere. Voglio ricordare a me stesso che il precedente processo, che scaturì a seguito del mio primo arresto, portò alla richiesta di 4 o 5 anni di arresto, poi finì con l’assoluzione perché il fatto non sussiste per le imputazioni principali. Per quelle secondarie ci siamo dovuti accontentare della prescrizione. Non auguro a nessuno quello che ho vissuto e continuo a vivere. L’ho vissuto senza ritirarmi dalle mie attività. E menomale. Ho cercato di continuare a vivere una vita normale, qualora si potesse definire normale questa vita, sempre accompagnata dai processi».

«Vado avanti a fronte alta – ha concluso, come sono abituato a fare. Tutto questo non rallenta minimamente la mia attività, i nostri programmi. Aspetteremo il 10 gennaio con l’augurio di poter festeggiare assieme un provvedimento che restituisca per l’ennesima volta quella dignità che in tutti i modi qualche anfratto di questo Palazzo ha cercato di togliermi. Finora sono incensurato: 17 processi, 2 arresti, e sono incensurato, e ne vado fiero. Io dai processi non sono mai scappato, perché non ho mai commesso reati che possano richiedere che il mio capo sia chinato per la vergogna».

(552)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.