Polizia-di-Stato

Prima il furto poi la fuga. Getta il giubbotto rosso per sottrarsi alla Polizia ma nella tasca dimentica il cellulare

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Polizia-di-StatoIncastrato dal telefonino che ha dimenticato nella tasca del giubbotto. Un giubbotto di cui si era sbarazzato per confondersi tra la folla dopo essere stato scoperto a bordo di una vespa rubata.  

Era sabato, 20.30 circa, quando il 15enne dopo aver manomesso il blocco di accensione del mezzo a due ruote, parcheggiato in via Giordano Bruno, e forzato il bauletto anteriore, è riuscito a metterlo in moto. Con lui, un complice, a bordo di un altro scooter che lo ha aiutato a spingere la Vespa.

Certo di aver messo a segno il furto, si trovava già in via Ugo Bassi, quando è stato notato dagli agenti della Squadra Mobile. Il minore che indossava il giubbotto rosso ha tentato di disfarsene per non essere identificato. Nella fretta ha dimenticato, però, di aver lasciato il proprio cellulare nella tasca dell’indumento abbandonato. Il ragazzino si è presentato in Questura con i genitori da dove, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato trasferito al Centro di Prima Accoglienza per minori di Messina.

(80)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.