Messina. Trasporta in auto crack e cocaina: arrestata 58enne per droga

Pubblicato il alle

2' min di lettura

È stata colta in flagranza di reato mentre trasportava in auto 77 grammi di cocaina e 10 di crack. Ad allarmare i Carabinieri di Messina, gli insoliti spostamenti della donna. La perquisizione dell’auto hanno confermato i sospetti degli agenti, che hanno proceduto all’arresto della 58enne per detenzione ai fini di spaccio di droga. Il report. 

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Messina Sud hanno arrestato, in flagranza di reato, una 58enne di Messina, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso di servizi di controllo del territorio, finalizzati, nello specifico, al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Messina Sud avevano notato la donna che, alla guida di un’autovettura, effettuava insoliti spostamenti e, pertanto, dopo aver effettuato specifici servizi, hanno deciso di sottoporla ad un controllo di polizia. All’esito del controllo, i militari dell’Arma hanno rinvenuto nella disponibilità della donna 77 grammi di sostanza stupefacente di tipo cocaina e 10 grammi di crack suddivisa in dosi, nonché la somma in contante di 550 euro, ritenuta provento dell’attività illecita.

La sostanza stupefacente, inviata al Policlinico G. Martino di Messina per le analisi di laboratorio e la somma in contante sono state sequestrate e la donna è stata arrestata, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ultimate le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’arrestata è stata tradotta presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida. Ieri mattina, all’esito dell’udienza davanti al Giudice del Tribunale di Messina, l’arresto dei Carabinieri è stato convalidato ed alla donna è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di dimora e della presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e per l’indagata vale il principio di non colpevolezza sino alla sentenza definitiva, ai sensi dell’art. 27 della Costituzione.

FONTE: Legione Carabinieri “Sicilia” – Comando Provinciale di Messina

(388)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.