la polizia municipale durante i controlli notturni scopre una casa d'appuntamento in via centonze e stacca 27 multe per divieto di sosta

Messina. Non si ferma all’alt e investe un agente della Polizia Municipale: arrestato

Pubblicato il alle

4' min di lettura

È successo a Messina nella notte tra sabato 29 e domenica 30 gennaio 2022 nel corso dei servizi di controllo della movida notturna da parte della Polizia Municipale: un agente è stato investito da un automobilista che non si è fermato all’alt impostogli. Avviate immediatamente le indagini, che hanno permesso di risalire al veicolo e, conseguentemente, al sospettato. Il report inviato dal Comandante vicario della Polizia Municipale, Commissario Giovanni Giardina.

Di seguito, il resoconto dell’accaduto, così come riportato in una nota dal Comandante Vicario della Polizia Municipale, il Commissario Giovanni Giardina.

Durante un posto di controllo posto in essere nella notte tra sabato e domenica sul corso Cavour, l’agente notando un veicolo dal quale proveniva musica ad alto volume, ha intimato l’alt al conducente brandendo ripetutamente la paletta di servizio, ma il guidatore anziché arrestarsi ha proseguito la marcia. Era a questo punto che l’autovettura, che inizialmente sembrava volersi arrestare, atteso che l’agente si trovava ancora frontalmente ad esso, improvvisamente accelerava la marcia investendo l’ispettore. Solo grazie alla prontezza di riflessi ed intuendo l’azione delittuosa del conducente l’ispettore riusciva ad evitare di essere totalmente travolto venendo tuttavia parzialmente colpito dallo spigolo destro del mezzo rimanendo ferito tanto che successivamente sarebbe stato refertato presso il PS del Policlinico per contusioni al braccio e alla spalla. L’agente riusciva inoltre, non solo a vedere in faccia chiaramente il conducente, ma anche a memorizzare gran parte dei numeri di targa del veicolo indizi cardine per rintracciare poi il mezzo.

Immediate sono scattate le indagini coordinate direttamente dal Comandante Vicario Commissario Giardina e coadiuvato dai coordinatori della sezione investigativa Ispettore Munnia, della Polizia Specialistica Ispettore Cifalà e Ispettore Peditto Cosimo. Fondamentali sono poi risultate le immagini della body-cam indossata dal Poliziotto Municipale che ha ripreso interamente l’accaduto che confermavano altresì tipologia veicolo e numero di targa memorizzata poco prima dall’ispettore. Poco è bastato quindi agli inquirenti per ricostruire i fatti e acquisire elementi fondamentali per risalire al proprietario del mezzo e al presunto conducente, ossia il figlio del proprietario atteso che l’autovettura era intestato ad  una donna ossia alla madre. Gli agenti unitamente ad una volante della Polizia di Stato inviata in supporto, hanno quindi individuato nei pressi dell’abitazione del presunto conducente il veicolo ancora con motore caldo e con le evidenti tracce dell’urto. sul cofano anteriore. Quindi suonato alla porta dell’abitazione rintracciavano la persona che veniva immediatamente riconosciuta quale conducente del mezzo investitore. Pertanto questi veniva tradotto in caserma ove, ultimate le formalità di rito veniva dichiarato alle ore 2.00 di domenica 30 gennaio in stato di arresto mentre il mezzo veniva posto sotto sequestro giudiziario.

Il giorno successivo il giudice monocratico in udienza ha convalidato l’arresto ed il sequestro del mezzo disponendo il permanere dello stato di detenzione della persona sino all’udienza del 9 marzo ove dovrà comparire nuovamente per la definizione del processo avendo questi scelto la procedura del rito abbreviato. Il Comandante Vicario nel rappresentare vicinanza al collega ferito ha tenuto a sottolineare che nonostante l’accaduto la Polizia Municipale continuerà a svolgere detti servizi finalizzati a garantire l’ordine e la sicurezza dei cittadini perché se è vero che dopo tante restrizioni i ragazzi hanno la voglia di riprendere la loro vita abituale è altrettanto vero che questa deve essere svolta nel rispetto delle regole e che la costante presenza dei suoi uomini  deve essere vista quale garanzia di tutti per un sereno svolgimento dell’attività di svago, attività che in nessun modo si vuole preclude ma al contrario si vuole incentivare con la garanzia che alla fine della serata tutti i ragazzi possano rientrare a casa senza problemi e senza timore alcuno da parte dei loro genitori.

(816)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.