Messina. Insulta e minaccia di morte i genitori: 29enne ai domiciliari

Pubblicato il alle

1' min di lettura

La Polizia di Stato ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 29enne a Messina, accusato di insulti e minacce di morte nei confronti dei genitori. L’obiettivo dell’uomo era ottenere soldi per potersi comprare la droga. Dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia.

Nella giornata di ieri, i poliziotti delle Volanti hanno eseguito l’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal GIP presso il Tribunale di Messina, nei confronti di un messinese di 29 anni resosi responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia.

Vittime i genitori, ai quali non ha risparmiato vessazioni fisiche e morali con insulti offensivi e minacce di morte, aggredendoli altresì attraverso gesti d’ira concretizzatisi in danneggiamenti ad arredi e suppellettili, senza motivo o al fine di ottenere la dazione di somme di denaro per acquistare sostanze stupefacenti.

I ripetuti atti di violenza e minaccia del reo hanno costretto le vittime a vivere in uno stato di ansia, di paura e timore per la loro incolumità.

Il lavoro d’indagine svolto dai poliziotti, coordinati dall’Autorità Giudiziaria, ha permesso di delineare le condotte delittuose e di emettere la misura cautelare.

L’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso altro domicilio.

FONTE: Questura di Messina

(366)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.