Messina. Corse di cavalli clandestine sul viale Giostra: 3 denunciati

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Blocco stradale, maltrattamento di animali e competizioni sportive clandestine su strada. Di questi reati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, tre messinesi deferiti in stato di libertà dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina, nel corso di mirati servizi finalizzati al contrasto delle corse di cavalli su viale Giostra. Si tratta del 58enne R.S., già noto alle forze dell’ordine, del 28enne I.G. e del 29enne D.F.G..

In particolare, ieri notte, intorno le ore 04:00, due pattuglie del Nucleo Radiomobile stavano percorrendo il viale Giostra, per posizionarsi in luogo idoneo per allestire un posto di controllo sulle due direzioni di marcia della citata arteria stradale. All’altezza struttura sanitaria Mandalari, sorprendevano due calessi intenti a gareggiare clandestinamente sulla corsia di marcia opposta, supportati da una decina di ciclomotori, intenti a seguire la corsa, predisposti in modo da poter bloccare la circolazione stradale al fine di favorire lo svolgimento dell’illecita competizione. La presenza sul viale dello spartitraffico ha ostacolato l’intervento immediato dei militari, rendendo possibile ai ciclomotori di dileguarsi nelle vie limitrofe alla vista dei Carabinieri. I militari dell’Arma hanno invertito la marcia raggiungendo e bloccando i due calessi con i relativi conducenti poi identificati nel 28 I.G. e nel 29nne D.F.G. I due giovani sono stati deferiti, in stato di libertà, in quanto ritenuti responsabili dei reati di blocco stradale, maltrattamento di animali e competizioni sportive clandestine su strada.

Inoltre i Carabinieri hanno approfondito l’accertamento con l’ausilio del Servizio Veterinario dell’ASP di Messina, per risalire alla proprietà dei cavalli accertando che uno appartiene allo stesso conducente, il 29enne D.F.G. mentre l’altro, condotto dal 28enne I.G., è risultato di proprietà del 58enne R.S. a sua volta deferito, in stato di libertà, per concorso nei medesimi reati. Gli animali ed i calessi sono stati sottoposti a sequestro ed affidati, in custodia giudiziaria, agli stessi proprietari.

Infine, a carico dei due cocchieri, i Carabinieri hanno elevato violazioni amministrative al Codice della Strada per aver effettuato competizioni su strada a velocità non commisurata alle condizioni ambientali, con l’uso di calessi di calessi sprovvisti di adeguati dispositivi di frenata di illuminazione visiva e di targhe, per un importo complessivo di 2.000 euro.

(210)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.