Messina. Concorso truccato al Policlinico. Condannate 3 giornaliste e 1 dirigente

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il concorso per l’addetto stampa del Policlinico di Messina, bandito nel 2011, era truccato.

Questo l’esito in primo grado del processo che ha inflitto dure condanne a quattro persone coinvolte: la beneficiaria del concorso pilotato, due componenti della giuria di valutazione e una dirigente del nosocomio peloritano.

A vincere il bando per addetto stampa nel 2011 era stata l’allora giornalista pubblicista Valeria Arena, oggi condannata ad 1 anno e 4 mesi di reclusione. Per lei anche l’interdizione dai pubblici uffici per 16 mesi e il pagamento di 6.000 euro di provvisionale.

Condannate anche le giornaliste Alessandra Ziniti e Laura Oddo, entrambe componenti della commissione esaminatrice e la dirigente del Policlinico Giuseppa Sturniolo, con pena sospesa. Per loro la condanna è di 1 anno di reclusione e 12 mesi di interdizione dai pubblici uffici.

Ziniti, Oddo e Sturniolo che facevano parte della commissione esaminatrice sono state condannate per abuso d’ufficio, mentre l’Arena, vincitrice della selezione, per abuso d’ufficio e falso. Assolto, invece, l’ex Direttore Generale del Policlinico Giuseppe Pecoraro, accusato di abuso d’ufficio nel 2014, perché “il fatto non sussiste”.

A denunciare le irregolarità che hanno portato Valeria Arena a vincere il concorso è stato il giornalista professionista Gianluca Rossellini. Che contestava alla Arena l’attestazione fittizia di collaborazioni giornalistiche mai avvenute e una valutazione troppo alta di ulteriori titoli rispetto agli altri candidati.

«Il mio assistito – ha spiegato l’avvocato Lillo Massimiliano Musso, difensore di Rossellini – oltre ad essere stato vittima di un concorso che è stato accertato è stato pilotato, ha subito per anni il cattivo funzionamento del sistema giustizia che, con continui rimpalli, non ha permesso fosse accertata la verità, finalmente ieri un giudice è voluto entrate nel merito della vicenda facendo emergere la verità dei fatti. Siamo fiduciosi anche per i prossimi processi dove tra l’altro, se tutto venisse confermato chiederemo un risarcimento adeguato».

(1342)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.