Incendio di Patti. Martedì verrà dichiarato lo stato di emergenza

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il presidente Crocetta comunica che martedì mattina incontrerà, insieme al dirigente della Protezione civile, Foti, i sindaci di Patti e di Chiaramonte Gulfi. L’obiettivo è avviare provvedimenti ed iniziative finalizzate a garantire gli aiuti necessari alle aziende ed ai territori colpiti dagli incendi di questi giorni.

“La protezione civile – dice il Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta – è in questo momento accanto ai sindaci per fronteggiare l’emergenza ed effettuare una prima valutazione dei danni. Martedì in giunta, dichiareremo lo stato di emergenza nei territori colpiti”.

La Sicilia intera è colpita dal crescente fenomeno degli incendi dolosi. La situazione a Messina era già particolarmente grave qualche giorno fa, con roghi segnalati a Capo d’Orlando, Santo Stefano di Camastra, Tortorici, Saponara, Rometta e Gioiosa Marea.

A questa situazione si è poi aggiunto, ieri pomeriggio, il grave incendio che ha colpito la zona di Patti. Un vero e proprio inferno di fuoco che ha devastato il comune peloritano, distruggendo distributore di metano – sito all’incrocio tra lo svincolo autostradale e la superstrada Patti-San Piero Patti – minacciando le attività commerciali e ricettive della zona. Cinque le squadre di vigili del fuoco impegnate nella gestione dell’incendio che ha richiesto l’evacuazione di una casa di riposo e di un resort.

 

“Come non rimanere indignati, esterrefatti, sconvolti, di fronte all’enorme incendio appiccato a Patti, dove diverse attività produttive rischiano di chiudere e diversi cittadini di rimanere senza abitazioni”, ha dichiarato il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta. “Continueremo a essere in prima linea nell’isola più bella del mondo che continua a essere violentata e offesa da pochi individui dediti alla criminalità”.

(223)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.