Incastrato dalle impronte digitali: la Polizia arresta rapinatore 33enne

In manette 33enne, per rapina ai danni di un tabaccaio. L’uomo, che era riuscito a fuggire, è stato identificato dalla Polizia di Stato, grazie alle impronte digitali lasciate su una vetrata del negozio preso di mira.

Il messinese Marco Arena è stato riconosciuto come responsabile della rapina, commessa in concorso con un altro individuo, attualmente ignoto, lo scorso 17 novembre.

Chiara la dinamica dei fatti: i due hanno fatto irruzione nell’esercizio commerciale e mentre il complice minacciava il dipendente con una pistola semiautomatica, il trentatreenne scavalcava il bancone e apriva il cassetto contenente l’incasso pari a 3475 euro, a colpi di mazzuola. Dopo, la fuga a bordo di uno scooter rubato e poi abbandonato nei pressi dell’esercizio commerciale preso di mira.

Ad incastrare il trentatreenne le immagini di video sorveglianza che lo hanno immortalato mentre saltava dietro il bancone e si appoggiava con la mano nuda ad una vetrata. L’impronta rilevata ed il rapido e capillare lavoro del locale Gabinetto di Polizia Scientifica hanno permesso di risalire all’identità del rapinatore.

Ieri, l’emissione dell’ordinanza della misura cautelare emessa dal GIP presso il locale Tribunale e la successiva esecuzione da parte dei poliziotti delle Volanti. Proseguono le indagini per risalire all’identità dell’altro rapinatore.

 

(210)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *