policlinico messina

Favorirono dirigente medico fantasma: condanne ai vertici del Policlinico

Pubblicato il alle

2' min di lettura

policlinico messinaNel 2007 l’assunzione di un dirigente medico al reparto di Endocrinologia del Policlinico fece scattare un’inchiesta: furono 4 gli indagati. 8 anni dopo arrivano le sentenze per loro: tre di condanna, una di assoluzione.
E’ condanna ( 2 anni e 6 mesi) per Francesco Trimarchi, direttore dell’Uoc di Endocrinologia del Policlinico; uguale la pena inflitta all’ex direttore sanitario della  stessa struttura, Giovanni Materia; pena di 1 anno per Barbara Almoto, la dottoressa che fu assunta come dirigente medico.
Assoluzione, invece, per l’ex commissario straordinario Antonio Mira.
Ad avvio inchiesta, nel 2007, la procura ritenne che dietro quell’assunzione, ci fossero reati di abuso d’ufficio e falso. Reati che, a vario titolo, per l’accusa avevano commessi Francesco Trimarchi, Giovanni Materia, e Antonio Mira. Almoto era stata accusata di favoreggiamento, l’assunta, che fu però dichiarata rinunciataria perchè al tempo non si presentò per occupare il posto di dirigente medico.
Per l’allora sostituto procuratore Camillo Falvo, Trimarchi, Materia e Mira avevano falsamente attestato la presenza di Almoto nella graduatoria, la cui posizione invece, per l’avvenuta decadenza da rinunciataria, non era al quarto posto, così come dai tre sottoscritto.
Avevano, dunque- sempre per l’accusa- violato le regole del concorso.
Barbara Almoto, fu accusata di favoreggiamento perché,interrogata, dichiarò di non avere ricevuto alcuna comunicazione riguardo la collocazione al quarto posto della graduatoria.
L’odierna assoluzione di Antonio Mira, chiesta anche dal Pm, è avvenuta a seguito dell’accertata sua estraneità ai fatti contestati: firmò sì, la delibera di conferimento incarico ad Almoto, ma era ignaro dei precedenti.

(3066)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.