agenzia ufficio delle dogane di messina

Esporta “prodotti tipici” con false indicazioni di origine italiana: denunciata azienda messinese

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Controlli dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per la tutela del Made in Italy: l’Ufficio di Messina scopre un’azienda messinese che esportava prodotti alimentari con false indicazioni di origine italiana. Scatta la denuncia all’Autorità Giudiziaria. Il report.

L’Ufficio delle Dogane di Messina, nell’ambito delle attività svolte dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per la lotta alla contraffazione e per la tutela del Made in Italy, ha effettuato una serie di controlli su aziende del settore agroalimentare operanti nella provincia di Messina.

Sono state sottoposte a verifica le imprese che svolgono attività di produzione e lavorazione di “prodotti tipici” italiani e siciliani e dai controlli svolti è emerso che in taluni casi venivano acquistati dall’estero ingenti quantitativi di merci simili a quelle commercializzate come prodotti tipici italiani e siciliani. I funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Messina oltre ad accertare i profili fiscali hanno infatti controllato il rispetto della normativa sul Made in Italy e l’esatta indicazione dell’origine dei prodotti commercializzati da queste imprese, analizzando con cura i processi di lavorazione e la tracciabilità delle merci e delle materie prime.

Tali attività consentono di prevenire e reprimere eventuali frodi fiscali, proteggendo gli operatori ed i consumatori che vogliono acquistare autentici prodotti italiani e tutelando conseguentemente le eccellenze del comparto agro-alimentare italiano e siciliano.

I controlli effettuati hanno permesso di identificare un’azienda che importava rilevanti quantità di alimenti di origine extraeuropea, i quali venivano poi miscelati con lotti più piccoli di prodotti simili, realizzati nei propri stabilimenti in provincia di Messina. La miscela ottenuta – che secondo la normativa di settore era da considerare come di origine extra-UE – veniva poi immessa sul mercato internazionale con l’etichetta di “origine italiana”. Il titolare della società è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria.

FONTE: Direzione Territoriale VII – Sicilia – Ufficio delle Dogane di Messina

(545)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.