Tribunale di Messina

Condannata la coppia che truffava gli anziani nella zona Ionica

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Tribunale di MessinaUdienza preliminare ieri davanti al gup Maria Teresa Arena per Maria Crescimone, 39anni, e Salvatore Rasizzi, 42 anni, i coniugi catanesi che, tra novembre 2013 e febbraio 2014, avevano messo a segno una serie di furti, tra Scaletta Zanclea e Roccalumera, ai danni di anziani. La donna, che era finita in carcere per furto aggravato, è stata ora condannata e sei anni di reclusione; mentre il marito, ai domiciliari per il reato di ricettazione, ha ottenuto con questa sentenza un anno e 4 mesi.

I due furono protagonisti di diversi furti e truffe che mettevano in serie difficoltà gli anziani soli che venivano presi di mira. Maria Crescimone si presentava a casa delle vittime spacciandosi spesso per addetta di una farmacia che proponeva sgravi fiscali su particolari tipologie di medicinali. La 39enne chiedeva all’anziano di turno di mostragli una banconota di grosso taglio per trascriverne il numero di serie, poi seguiva di nascosto la vittima per scoprire il posto in cui teneva il denaro. Denaro che prontamente spariva. Avviate le indagini, i Carabinieri di Roccalumera erano riusciti a incastrare la coppia e a identificare in lei la principale artefice dei raggiri.

(58)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.